27/10/14 Schianto nel Chietino, morti due fratelli di 27 e 23 anni

CHIETI. Le salme di Pierpaolo Timperio e di sua sorella Valentina, 27 e 23 anni, morti ieri mattina in seguito a un tragico incidente stradale sulla variante Tollo-Miglianico, sono state restituite alla famiglia per le esequie.

Insieme lavoravano in un bar di Chieti Scalo e insieme, all’alba di ieri, tornavano a Miglianico su una Fiat 500 rossa. Pierpaolo Timperio, 27 anni, e Valentina, di 23, imboccano il primo tratto della bretella che dal rondò della Val di Foro sale a Miglianico, che sono passate le 4. Fratello e sorella sono stanchi dopo il sabato di lavoro intenso all’Italians bistrot di viale Abruzzo.

Ed è Valentina che guida l’utilitaria in quel tratto buio e sconnesso di strada provinciale che curva leggermente a destra prima del ponte che attraversa il fiume Foro. Solo un colpo di sonno può aver tradito la ragazza diventando la causa di una tragedia troppo grande per la gente di Miglianico. L’auto non segue la curva ma va dritta verso la scarpata che costeggia a sinistra il ponte maledetto. Non trova alcun guard rail che il quel punto manca. Si schianta contro un tronco, lo spezza di netto e precipita per dieci metri, capovolgendosi almeno tre volte prima di piombare al centro del letto del fiume che non supera il metro di profondità. La morte è istantanea.

Ma sarà un esperto a stabilire, questa mattina, se a causarla sono stati i traumi dell’urto oppure l’annegamento. Il rumore dello schianto dev’essere stato terribile ma nessuno, a quell’ora, lo sente. Non ci sono case lì accanto, né segni di frenata sull’asfalto pieno di toppe e buche. E questo particolare conferma l’ipotesi del colpo di sonno, accreditata dai carabinieri della Compagnia di Ortona e della stazione di Miglianico che conducono le indagini. 

Articoli correlati

7 arresti nell'abruzzese: smantellata banda italo-romena
Pubblicato il 02/10/2013 • leggi all'articolo
Berretti Aversa Normanna a valanga sul Chieti: 5-0 il finale
Pubblicato il 23/09/2013 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus