25/03/13 Equitalia senza freni: aumentano gli interessi di mora

ROMA. Dopo tutte le polemiche sul modo di operare di Equitalia, quest'ultima fa in modo che tali polemiche non siano infondate: dal 1 maggio gli interessi di mora applicati sulle tanto odiate cartelle, inviate dalla società, aumenteranno, passando dall'attuale 4,55% al 5,22% creando ulteriori problemi alle famiglie già esasperate dai tanti aumenti di spesa.La denuncia parte da Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef: "Una vera assurdità che cade proprio in un momento drammatico per le famiglie italiane che, in molti casi, si trovano in estrema difficoltà anche nel far fronte alle spese più elementari. Non bastava l'aumento dei prezzi e delle tariffe, non bastava la caduta verticale del potere di acquisto (-14,1% dal 2008) e non bastava neanche l'incredibile livello raggiunto dalla pressione fiscale nel nostro Paese (con aumenti solo nel 2013 di +421 euro). Ora anche Equitalia da un ulteriore contributo per accrescere la preoccupazione e lo stato di vera e propria esasperazione in cui si trovano le famiglie".La società di riscossione, sotto la direzione dell'Agenzia delle Entrate, opera in modo sempre più aggressivo: "Piuttosto che pensare ad aumentare i tassi di mora, Equitalia dovrebbe dare la priorità ad una decisa riorganizzazione della struttura, migliorando i pessimi rapporti con il pubblico. È impensabile – attaccano Trefiletti e Lannutti – che un cittadino debba trascorrere giornate intere in coda per richiedere informazioni o attivare le procedure di contestazione o rateizzazione delle cartelle esattoriali. Per questo, tali aumenti devono essere scongiurati con ogni mezzo e, in caso Equitalia non desse risposte adeguate, le nostre Associazioni avvieranno tutte le iniziative necessarie per tutelare le famiglie".