13/04/17 Ortona: trovate morte due donne, fermato il marito di una delle vittime

ORTONA. Due donne sono state uccise nel primo pomeriggio ad Ortona. L'autore del duplice omicidio è un uomo di 50 anni, di Ortona, marito di una delle due. L'uomo, dipendente di un'azienda che eroga gas, è stato fermato alcuni minuti dopo, e ora si trova nella caserma dei carabinieri di Ortona dove è giunto anche il comandante provinciale dell'Arma di Chieti, il colonnello Luciano Calabrò. 

Fra marito e moglie, che aveva 47 anni, sarebbero state in corso le procedure di separazione. La seconda vittima è una donna di 33 anni. L'uomo è stato fermato lungo una strada dai carabinieri, il coltello è stato recuperato. Sul posto si sta recando il magistrato di turno, il sostituto procuratore della Repubblica di Chieti Giancarlo Ciani.

Articoli correlati

Francavila ed altri orrori: cosa sta succedendo alle persone?
Pubblicato il 24/05/2018 • leggi all'articolo
Omicidio di Valencia. Eseguita l’autopsia sul corpo di Marcello
Pubblicato il 07/07/2017 • leggi all'articolo
Crispano. Agguato sotto casa, ucciso 53enne
Pubblicato il 17/03/2017 • leggi all'articolo
Tragedia a Sant’Antimo: non accetta la separazione e spara alla moglie 28enne, arrestato 33enne
Pubblicato il 19/10/2016 • leggi all'articolo
Firenze: uccide una donna e una trans a coltellate, è caccia all’assassino
Pubblicato il 29/06/2016 • leggi all'articolo
Svolta nella morte del piccolo Loris, la madre incastrata dai messaggi WhatsApp e Facebook
Pubblicato il 12/01/2015 • leggi all'articolo
Omicidio Andrea Loris Stival: gli elementi che hanno portato al fermo della mamma
Pubblicato il 10/12/2014 • leggi all'articolo
Omicidio Gambirasio. Bossetti:"Prego sempre per lei".
Pubblicato il 26/11/2014 • leggi all'articolo
COLPO DI SCENA,Yara Gambirasio sarebbe stata colpito da un mancino.E Bossetti non lo è.
Pubblicato il 19/11/2014 • leggi all'articolo
Elena Ceste , un uomo accusa il parroco"E' stata portata in chiesa con la forza".
Pubblicato il 03/11/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus