21/05/16 Usa, Facebook ai Conservatori: “Diamo voce a tutte le idee”

ROMA. Dopo le accuse lanciate dai Conservatori Usa ai danni di Facebook, accusato di censura, arriva la rettifica del social network. Voglio fare tutto il possibile per assicurare che i nostri team mantengano l'integrità dei nostri prodotti. E' importante che Facebook rimanga una piattaforma per tutte le idee", ha scritto pubblicamente Mark Zuckerberg dopo l'incontro. E' stato organizzato dopo l'intervista del blog Gizmodo ad un ex curatore della sezione Trending Topics, che ospita le notizie di tendenza della piattaforma: ha rivelato che il social network penalizza quelle di stampo conservatore.

Testimonianza rafforzata da un report del Guardian che mostrava come i 'trend' erano frutto di scelte editoriali e non di un algoritmo. Il senatore repubblicano John Thune ha chiesto spiegazioni; Zuckerberg ha teso la mano avviando un'inchiesta interna e poi organizzando la riunione a Menlo Park. Nel quartiere generale di Facebook si sono presentati una quindicina di rappresentanti del mondo conservatore tra cui l'ex portavoce di Bush, Dana Perino; il presidente dell'Heritage Foundation, Jim DeMint; Arthur Brooks dell'American Enterprise Institute; l'opinionista S. E. Cupp, lo stratega digitale Zac Moffat; e soprattutto Barry Bennett, consigliere di Donald Trump.

"Trump ha più fan rispetto a qualsiasi altro candidato alla presidenza. E Fox News guida più interazioni sulla sua pagina di qualsiasi altra notizia in tutto il mondo. E' importante che Facebook rimanga una piattaforma per tutte le idee e che continuiamo a dare una voce ad ogni persona", ha sottolineato Zuckerberg consapevole che i conservatori "sono sempre stati una parte importante di Facebook" e che di conseguenza non può rischiare una fuga dal social di utenti di opinioni conservatrici, monetizzabili con pubblicità e potenziali partnerhip. "Facebook è l'unico big della tecnologia disponibile ad una conversazione con noi. E' nata in una circostanza stimolante, ma credo che la Silicon Valley debba andare avanti in questo tipo di impegno", ha detto Zac Moffatt dopo l'incontro, come riporta il New York Times.

Articoli correlati

Siria, Gentiloni: ‘’Inaccettabile uso delle armi. Italia coerente alleato USA’’
Pubblicato il 17/04/2018 • leggi all'articolo
Manipolati da Social e Società di Marketing: ma a noi importa davvero?
Pubblicato il 29/03/2018 • leggi all'articolo
Usa, Trump propone stretta sulla vendita di armi
Pubblicato il 01/03/2018 • leggi all'articolo
Facebook rivoluziona il News Feed per "renderci più felici"
Pubblicato il 13/01/2018 • leggi all'articolo
Cane attaccato dai bracconieri: veterinari sconvolti ma tentano di salvarlo
Pubblicato il 09/11/2017 • leggi all'articolo
Human Rights Watch a Trump: ''Non bandire i Fratelli Musulmani''
Pubblicato il 09/02/2017 • leggi all'articolo
Gli Usa leader mondiali della vendita di armi: le vendite hanno raggiunto i 40 miliardi di dollari
Pubblicato il 27/12/2016 • leggi all'articolo
Privacy: Facebook sospende condivisione dati con WhatsApp
Pubblicato il 18/11/2016 • leggi all'articolo
Uno studio americano: “Usare Facebook allunga la vita”
Pubblicato il 01/11/2016 • leggi all'articolo
Instagram pensa alle dirette streaming: spunta Go Insta
Pubblicato il 24/10/2016 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus