06/05/20 Sanificazione ambienti post pandemia: l'ozono rappresenta uno dei sistemi più efficaci

ROMA. Sanificazione a Ozono e interazione con i virus

La sanificazione a ozono è un metodo di pulizia ecologico che è stato riconosciuto come presidio naturale per la sterilizzazione degli ambienti contaminati da batteri, virus, spore e infestati da acari e insetti (protocollo n.24482 del 31/07/1996 del Ministero della Sanità).

 

Perché sanificare gli ambienti è importante?

L'importanza della sanificazione ambientale è stata ampiamente dimostrata in uno studio condotto a Singapore, dove, all'interno di un ambiente isolato per la presenza di un paziente lievemente positivio al Covid-19, ma non sanificato, è stato rilevato l’RNA virale su quasi tutte le superfici testate, dalle maniglie agli interruttori, passando per i corrimano, le finestre, il lavandino e via dicendo. Essendo una stanza soggetta a isolamento, si può pensare che l'RNA virale sia stato veicolato dall'aria. Lo stesso test è stato effettuato in altre due stanze di due pazienti sintomatici, che, al contrario della prima stanza, erano state sottoposte a pulizie mediante dicloroisocianurato di sodio. L’RNA virale non è stato rilevato su alcuna superficie.

 

Nel processo di studio dei virus e della loro interazione con l'ozono, è emerso che il 99% dei virus è stato reso inattivo con danneggiamento alle proteine del loro involucro. Questo andrebbe a ridurre le probabilità che il virus si attacchi alle cellule, fornendo una soluzione molto vantaggiosa rispetto alle alternative che si basano su sostanze chimiche e gas decontaminanti.

 

L'ozono reagisce con la struttura di batteri, virus e microrganismi, inattivandoli ed eliminandoli.

L'ozono (O3) è un composto gassoso ossidante, presente naturalmente nell'aria a basse concentrazioni. In elevate concentrazioni gassose, l'ozono penetra tutte le zone all’interno di una stanza, fessure, infissi e tessuti inclusi, andando a sanificare le superfici in modo più efficace rispetto alle applicazioni manuali.

 

In che modo il sistema di sanificazione a ozono elimina i virus?

L'ozono è resposabile dell'ossidazione e quindi dell'inattività del virus. Nel caso del Covid, l'ozono va a inibire i recettori virali specifici di cui il virus si serve per legarsi con le pareti delle cellule da invadere. Questo consente di arrestare il meccanismo di riproduzione virale nella prima, delicata fase, ossia quella dell’invasione cellulare.

 

Come vengono effettuati gli interventi di sanificazione a ozono?

I trattamenti di sanificazione a ozono vengono effettuati utilizzando degli appositi generatori di ozono. Si tratta di apparecchiature progettate per produrre al loro interno l'ozono, utilizzando l'ossigeno (O2) come reagente.

 

La sanificazione a ozono è sicura?

Attraverso il Protocollo n. 24482 del 31 luglio 1996, il Ministero della Salute ha riconosciuto la sanificazione degli ambienti con l'uso dell'ozono come "presidio naturale per la sterilizzazione degli ambienti contaminati da batteri, virus, spore, ecc. e infestati da acari, insetti, ecc.". Sebbene gli interventi di igienizzazione mediante l'ozono debbano avvenire in assenza di persone o animali, una volta dissolto il gas non vi è alcuna controindicazione per la salute. A seconda della quantità di ozono impiegata viene stabilito il tempo di attesa necessario per poter nuovamente occupare l'ambiente (solitamente qualche ora).

Questi interventi sono fondamentali per eliminare e rendere inattive le particelle virali e rientrano tra le operazioni considerate utili per il contenimento della diffusione del Coronavirus.

Riassumendo, i vantaggi legati all'impiego dell'ozono nei trattamenti di sanificazione sono:

-          eliminazione della carica microbica superiore al 90%;

-          possibilità di disinfezione minuziosa di zone o superfici difficilmente raggiungibili, per via della natura gassosa dell'ozono;

-          velocità di intervento, con ripristino delle attività in tempi molto brevi;

-          minimo impatto ambientale (i composti utilizzati si dissolvono senza creare danni);

-          nessun danno a rivestimenti, superfici, complementi di arredo, apparecchiature di lavoro, ecc.

 

Per quanto riguarda Roma e provincia, gli interventi di sanificazione con ozono rientrano tra le prestazioni compatibili con il credito d’imposta del 50% per le imprese, compreso nel decreto-legge “Cura Italia” (DL 17 marzo 2020, n. 18). La misura ha l'obiettivo di incentivare l’adozione di adeguate misure di sicurezza in tutti i luoghi di lavoro, in risposta all’attuale emergenza [Fonte].

comments powered by Disqus