23/04/15 Italicum, ok dalla Commissione: lunedì in Aula

ROMA. Questa mattina è arrivato il si all'Italicum da parte della Commissione Affari Costituzionali. Ora il testo arriverà lunedì 27 in camera. Le votazioni, come spiegato a Montecitorio, cominceranno i primi di maggio. Il via libera in Commissione è stato dato da tutti i presenti alla riunione, cui non hanno invece partecipato le opposizioni che hanno optato per l'Aventino lasciando la sola maggioranza a dibattere sugli emendamenti e rinviando di fatto la battaglia in Aula dove, a meno di clamorosi dietrofront, verrà chiesto il voto segreto.

Resta alta intanto la tensione nel Pd e fa governo e opposizione dopo la decisione del premier-segretario Matteo Renzi di sostituire dieci deputati ribelli nella commissione Affari costituzionali che sta esaminando il testo della legge elettorale. I parlamentari cacciati sono tutti estranei all'area renziana del Pd, tutti critici, ormai da mesi, sull'Italicum. Dopo la mossa del premier Forza Italia, Lega Sel e M5S hanno abbandonato i lavori della commissione. «La maggioranza ha votato compatta la legge elettorale e ha dato mandato al relatore. Siamo tranquilli nell'affrontare il dibattito in Aula: la maggioranza è stata compatta in commissione e lo sarà anche in Aula», dice il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. «Non è poi detto - aggiunge - che qualche partito di opposizione ci ripensi. D'altronde Fi aveva già votato in Senato» l'Italicum. I gruppi parlamentari rinuncino a chiedere il voto segreto in aula sulla riforma elettorale. È poi l'appello fatto dal ministro per le Riforme, dopo che la commissione Affari costituzionali ha approvato l'Italicum. Boschi ha sottolineato che in commissione «tutta la maggioranza ha votato compatta» per l'Italicum. «Mi auguro che da lunedì, in aula - ha aggiunto - le opposizioni partecipino, anche perché uno dei relatori, il presidente della commissione Sisto, è proprio di Forza Italia». Quanto all'ipotesi del voto segreto, Boschi ha sottolineato che «Fi ha già annunciato che lo chiederà». «Mi auguro che tutti i gruppi parlamentari - ha concluso - decidano di discutere senza ricorrere al voto segreto, che è una possibilità e non un obbligo, e che la battaglia avvenga a viso aperto».

Articoli correlati

Rifiuti, arriva il piano del Governo – Conte: ‘’Mai più terre dei fuochi’’
Pubblicato il 19/11/2018 • leggi all'articolo
Decreto fiscale, Conte: ‘’Crisi di governo improbabile, sarebbe irresponsabile’’
Pubblicato il 19/10/2018 • leggi all'articolo
Governo: Di Maio diserta il vertice sulla manovra con Salvini
Pubblicato il 15/10/2018 • leggi all'articolo
Governo, Di Maio: ‘’Pronto ddl per tagliare 345 parlamentari’’
Pubblicato il 19/09/2018 • leggi all'articolo
Renzi a Firenze: ‘’Pensano di essersi liberati di me, ma si sbagliano’’
Pubblicato il 10/09/2018 • leggi all'articolo
Governo, Salvini: ‘’Reddito di cittadinanza? Nella manovra ci sarà’’
Pubblicato il 05/09/2018 • leggi all'articolo
Governo: dal consiglio dei ministri via libera al decreto dignità
Pubblicato il 03/07/2018 • leggi all'articolo
Governo: Conte incassa la fiducia di Camera e Senato
Pubblicato il 07/06/2018 • leggi all'articolo
Governo, Salvini: ‘’No a Di Maio, ok esecutivo di emergenza poi al voto’’
Pubblicato il 30/05/2018 • leggi all'articolo
Governo – Mattarella convoca Conte, Di Maio: ‘’Inizia la Terza Repubblica’’
Pubblicato il 23/05/2018 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus