15/11/14 Partnership tra Ibm e Nvidia per realizzare i supercomputer

ROMA. Il dipartimento dell’energia degli Stati ha messo sul piatto 325 milioni di dollari chiedendo a Ibm e Nvidia di costruire non uno bensì due supercomputer. La date del debutto dovrebbe essere il 2017 e le due macchine saranno basate sulla prossima generazione di server IBm Power equipaggiati con acceleratori Gpu Nvidia Tesla.

Il primo super computer richiesto prenderà il nome di sistema “Summit” ed è quello più potente di tutti perchè potrà offrire prestazioni che raggiungeranno potenzialità di calcolo dai 150 a 300 petaflops e sarà utilizzato prevalentemente per scopi scientifici, quali ad esempio quello sullo studio dei fenomeni meteorologici, nella ricerca di risorse minerarie e idrocarburi, sviluppo di nuove fonti di energia e così via.

Il secondo super computer chiamato “Sierra” avrà capacità di calcolo un pò più basse che si assesteranno sui 100 petaflops e sarà destinato unicamente per il controllo dei rischi nucleari nelle varie centrali e sarà a disposizione presso il “National Nuclear Security Mission” che si trova nello stabilimento “Lawrence Livemore National Laboratory”.

Tutti e due i nuovi computer avranno prestazioni superiori fino a 5-6 volte rispetto ai precedenti super computer sviluppati; per fare un esempio pratico il super computer più potente Cinese (ed attualmente il più potente al mondo) chiamato Tianhe-2 della “Cina National Super Computer Center” localizzato a Guangzhou può raggiungere i 55 petaflops in prestazioni, mentre l’altro super computer già assemblato in america, “Titan”, raggiunge solamente (si fa per dire) i 27 petaflops di potenzialità di calcolo.

Articoli correlati

Il Mac compie oggi 30 anni
Pubblicato il 23/01/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus