29/10/14 Tour liquamoso, giro tra i depuratori dell’area Nord di Napoli

NAPOLI. Gli impianti di depurazione sottoposti alla visita guidata (dalla coscienza) sono esattamente cinque, e disposti tra le province di Napoli e Caserta: tutti, in pessime condizioni. Parliamo del processo di rimozione dei contaminanti da un'acqua reflua di origine urbana o industriale, ovvero di un effluente che è stato contaminato da inquinanti organici o inorganici. Le acque reflue non possono essere reimmesse nell'ambiente tal quali poiché i recapiti finali come il terreno, il mare, i fiumi ed i laghi non sono in grado di accogliere una quantità di sostanze inquinanti superiore alla propria capacità autodepurativa.

Iniziando dal depuratore  di Cuma,  lo sversamento dei propri reflui avviene in mare, a dispetto dei restanti quattro, che scaricano nel canale dei Regi Lagni. Proseguendo presso quello di Orta di Atella, infatti, si può facilmente notare che vi scorre un flusso di acqua schiumosa, che sfocia irrimediabilmente all’interno del lagno, un canale grande nel quale abbonda un’evidentissima e preoccupante forma d’inquinamento. Ancora, in quelli di Acerra, salta all’occhio un impianto di sollevamento delle acque fognarie, che dovrebbero finire all’interno del depuratore, ma ciò non accade. L’impianto sembra essere completamente abbandonato in balìa di sè stesso, ovunque largheggiano scie spumeggianti e maleodoranti. Inoltre, da due mesi, vi è un collettore che scarica nel canale acqua decisamente marrone, una fogna nel canale.

A Marcianise, tanto per restare in tema di olezzi, il depuratore sversa acque putride, e ancora tanta, tanta schiuma. A Villa Literno, e terminiamo qui, allegramente, l’ultima tappa del tour, l’impianto di depurazione che serve centinaia di migliaia  di persone, funziona in maniera ridotta, poiché le coclee, ovvero le eliche di sollevamento, sono praticamente ferme, basta osservare, ad occhio nudo, che su quattro ne funziona soltanto una. Naturalmente, la depurazione costa decine di milioni di euro alla regione Campania, e dalla stanza del commissario straordinario, pare non uscire  alcuna notizia positiva sul risanamento. 

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Napoli, al via la quinta edizione della Biennale del Libro d'Artista
Pubblicato il 16/07/2019 • leggi all'articolo
Napoli – stupro in Circumvesuviana: presi tre italiani tra i 18 ed i 20 anni
Pubblicato il 07/03/2019 • leggi all'articolo
Napoli – il giovane giornalaio affetto da autismo conquista la città
Pubblicato il 12/02/2019 • leggi all'articolo
Napoli - bomba contro l’ingresso della storica pizzeria di Gino Sorbillo: ‘’Andiamo Avanti’’
Pubblicato il 16/01/2019 • leggi all'articolo
Napoli, un tour ''geniale'': alla scoperta dei luoghi della Ferrante
Pubblicato il 08/12/2018 • leggi all'articolo
Napoli: uomo ucciso a coltellate durante una lite al centro storico
Pubblicato il 03/12/2018 • leggi all'articolo
Napoli: sequestra l’ex compagna e la riduce in fin di vita, arrestato 52enne
Pubblicato il 05/11/2018 • leggi all'articolo
Napoli: nuova scossa di terremoto nei Campi Flegrei, scuola evacuata e gente in strada
Pubblicato il 12/10/2018 • leggi all'articolo
Napoli: nel sottosuolo del Plebiscito un ipogeo voluto da Gioacchino Murat
Pubblicato il 01/10/2018 • leggi all'articolo
Napoli: raid nella notte a Forcella, ferito 13enne
Pubblicato il 20/09/2018 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus