25/11/15 “In nome dell’amore”: il nuovo album di Alex Britti

ROMA. Un album in studio di Alex Britti mancava da due anni, da Bene così. Due anni, nella musica, possono sembrare un'infinità ma non è così per il cantautore e chitarrista romano perché - dice all'Ansa - "due anni alla mia età non sono tanti, altrimenti si rischia l'appiattimento e inoltre l'arte non si misura in numeri". Così, venerdì 20 novembre, è uscito il nuovo album In nome dell'amore, volume 1 prodotto dall'etichetta di sua proprietà, It.Pop, e distribuito da Artist First.

"E' sempre difficile raccontare a parole un disco - racconta - Siamo sempre nel pop, perché il pop è democratico e accoglie tutti senza distinzioni, sicuramente è un album molto elettronico, molto elettrico con la chitarra che più che accompagnarmi mi risponde in una sorta di duetto. Canto in italiano, ma non suono in italiano, anche se non so che lingua sia. Ed è un disco che parla d'amore, ma l'amore quello alto, vero. Che non è solo per una donna, ma per tante altre cose. Ed è raccontato in un modo un po' diverso dal mio solito e dal solito in genere".

Quindi Britti abbandona la chitarra acustica per scegliere quella elettronica e dare un suono più internazionale ai suoi brani. Sette sono gli inediti contenuti in questo album, compresi Un attimo importante (la canzone con cui ha partecipato allo scorso Festival di Sanremo) e Perché?, il nuovo singolo scritto a sostegno delle donne vittime di violenza e sostenuto all'ong WeWorld che lavora da oltre 15 anni per difendere i diritti di donne e bambini in Italia e nel mondo. Fra gli altri brani, due sono scritti da Zibba (Ti scrivo una canzone e Da questa parte del mondo), uno da Francesco Bianconi dei Baustelle con Kaballà (5 petali di rosa).

In nome dell'amore vol. 1 - come si evince dal titolo - dovrebbe avere una seconda parte, l'uscita è prevista per marzo 2016.

Articoli correlati

Napoli Pizza Village - Oggi ospite Alex Britti e domani Francesco Gabbani
Pubblicato il 20/06/2017 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus