10/05/17 Migranti, il Pm di Trapani: ‘’Sospetti su singole persone delle Ong’’

ROMA. Ambrogio Cartosio, procuratore di Trapani, davanti alla Commissione Difesa del Senato ha parlato della posizione del personale delle Ong impegnate nell’emergenza migranti: "Alla procura di Trapani non risultano contatti telefonici diretti" tra Ong e trafficanti di migranti. Indaghiamo sul favoreggiamento dell'immigrazione clandestina che coinvolge non le Ong come tali, ma persone fisiche appartenenti alle Ong", ha aggiunto, precisando che "alcuni salvataggi in mare sono avvenuti senza informare la Guardia costiera". "Allo stato delle nostre acquisizioni - ha poi spiegato il magistrato - registriamo che vi sono casi in cui soggetti che si trovano a bordo delle navi sono evidentemente al corrente del luogo e del momento in cui si troveranno delle imbarcazioni sulle quali arrivano migranti, quindi evidentemente ne sono al corrente da prima".

"Allo stato non emergono reati di competenza della Direzione Distrettuale Antimafia. E' assolutamente da escludere che i comportamenti possano essere inseriti in un contesto associativo italiano", ha poi dichiarato il procuratore. Gli nteressi della mafia riguardano però il business dell'accoglienza, come già martedì aveva affermato il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro. "Nel corso di alcune indagini sono emersi fatti inquietanti e cioè che soggetti imparentati o contigui ad organizzazioni mafiose erano inseriti nel business dell'accoglienza e mi risulta che autorizzazioni siano state revocate per questo motivo". Secondo il pm non ci sono prove che "finanziamenti ricevuti dalle Ong possano essere di origine illecita ed escludo anche che gli interventi di soccorso delle organizzazioni abbiano finalità diverse da quello umanitarie". "Nelle settimane scorse - ha aggiunto il sostituo procuratore di Trapani - alcuni migranti algerini sbarcati a Trapani hanno dichiarato che la partenza dalle coste libiche è avvenuta con l'ausilio di un gommone e soggetti con la scritta poliziasulle spalle che hanno scortato il natante in mare aperto. Durante la navigazione è intervenuta un'imbarcazione della Guardia costiera libica e un soggetto ha sparato in aria e ha cominciato a discutere: c'era una questione di richiesta di denaro per far proseguire il viaggio". "C'è uno scenario - ha spiegato Andrea Tarondo - in cui gli attori aumentano e ci sono casi di soggetti corrotti appartenenti a forze dell'ordine libiche per i quali è ipotizzabile il reato di concussione, ma sul quale noi non siamo assolutamente competenti".

Articoli correlati

Migranti, Salvini: ‘’Serviranno 80 anni per rimpatriarli tutti’’
Pubblicato il 10/09/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Macron: ‘’Io avversario di Orban e Salvini’’
Pubblicato il 30/08/2018 • leggi all'articolo
Caso Diciotti, la Procura di Agrigento: ‘’Fate scendere i bambini, valutiamo indagine per sequestro di persona’’
Pubblicato il 23/08/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Conte: ‘’serve comitato di crisi Ue’’
Pubblicato il 19/07/2018 • leggi all'articolo
Linosa: 4 migranti annegati dopo tuffo da barcone
Pubblicato il 17/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Salvini esulta: ‘’Non siamo più campo profughi dell’Ue’’
Pubblicato il 16/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti: il governo respinge una nave italiana che ha soccorso 66 profughi
Pubblicato il 10/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Di Maio: ‘’Cambiare le regole d’ingaggio Ue’’
Pubblicato il 09/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, accordo raggiunto con l’Ue. Conte: ‘’L’Italia non è più sola’’
Pubblicato il 29/06/2018 • leggi all'articolo
Lifeline: la nave ha attraccato a Malta, redistribuzione dei migranti tra 8 Paesi Ue
Pubblicato il 28/06/2018 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus