15/10/15 Orta di Atella, maestre condannate per maltrattamenti su alunni

Orta di Atella. Si è conclusa con una condanna per maltrattamenti il processo a carico di due maestre in servizio presso una scuola di Orta di Atella.

A seguito del giudizio abbreviato, svoltosi dinanzi al Gup del Tribunale di Napoli Nord dott. Finamore, Caterina Mozzillo (42 anni di Succivo) e Eugenia D’Aniello (40 anni di Teverola), sono state condannate rispettivamente ad un 1 anno e 4 mesi e a 10 mesi e 20 giorni di reclusione, oltre al risarcimento dei danni in favore delle parti civili costituite. Ieri, dunque, si è chiusa la prima fase di questa vicenda, iniziata con l’esecuzione di una misura cautelare del divieto di dimora a carico della sola Mozzillo nel mese di marzo scorso. A coordinare le indagini fu la Procura della Repubblica di Napoli Nord, mentre i Carabinieri dei Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise svolsero i vari accertamenti.

Le maestre,al momento dei fatti, erano in servizio ad Orta di Atella presso la scuola dell’infanzia “Carducci”.

L’indagine ebbe origine da una denuncia di un genitore, poi costituitosi parte civile, che aveva notato comportamenti strani nel proprio figlio minore.

Furono installate delle telecamere nella classe e, grazie a questi dispositivi, furono riprese scene che il Giudice, questa mattina a seguito del processo, ha ritenuto integrare la ipotesi dei maltrattamenti a carico dei bambini.

La maestra Mozzillo fu destinataria della misura cautelare, poi, annullata dal Tribunale del Riesame, mentre la D’Aniello era indagata a piede libero. Nel corso del processo si sono costituiti parte civile, nell’interesse dei figli minori, alcuni genitori rappresentati dall’avvocato Enzo Guida, mentre le imputate sono state assistite dagli avvocati Dezio Ferraro e Filippo Trofino. Accolta la richiesta congiunta del Pm e della difesa di parte civile che avevano chiesto una condanna per il reato di maltrattamenti.

Si preannuncia appello da parte delle difese delle imputate.

 

comments powered by Disqus