02/07/13 Paura in corso Giannone a Caserta, un dipendente del Cub minaccia di buttarsi dalla finestra

CASERTA. Attimi di paura vissuti stamattina nella sede del Cub di Caserta in corso Giannone, dove un operaio si è affacciato dalla finestra minacciando di buttarsi giù qualora non gli fosse stato garantito il pagamento degli stipendi arretrati.

Questa mattina, ancora una volta, i dipendenti del Consorzio unico di Bacino Caserta-Napoli, si sono ritrovati sotto la sede della società per protestare contro il mancato incasso delle spettanze arretrate. Corso Giannone è stata bloccata e presieduta dalla polizia. In un secondo momento, il corteo, scortato dalla Finanza, Carabinieri e Digos, si è trasferito in corso Trieste, dinanzi l'ingresso della Provincia, nella speranza di incontrare Zinzi.

Nonostante gli inviti della Digos ad incontrare i lavoratori, l'ex parlamentare Udc ha declinato l'invito, sostenendo che la competenza non è dell'ente che presiede, ma di Napoli, quindi un incontro sarebbe stato inutile.

L'unico ad incontrare gli operatori è stato Farina Briamonte, commissario del Cub Caserta, arrivato in corso Giannone scortato dalla polizia, ha comunicato ai dipendenti del Cub che "se non arrivano i soldi dai comuni non potranno essere pagati".

Dinanzi a questa "minaccia" i manifestanti hanno organizzato un'altro faccia a faccia per venerdì in corso Giannone, con Briamonte e con il commissario del Cub Napoli, Di Domenico.

comments powered by Disqus