08/06/15 G7, accordo sul clima: ''Tetto 2 gradi a surriscaldamento''

ELMAU. C’è l’intesa sul clima fra i sette leader del G7 di Elmau. Lo scrive l’agenzia di stampa tedesca Dpa. Secondo l’agenzia, i capi di Stato si sarebbero accordati sul mantenere l’aumento della temperatura globale entro il limite di 2 gradi rispetto ai livelli preindustriali, su cui erano divisi fino a poco tempo fa.

Nel comunicato finale del summit in Baviera, i Paesi del G7 (Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Stati Uniti, Canada e Giappone) hanno definito "necessaria" una "importante riduzione delle emissioni mondiali di gas serra" nel corso del secolo. Si sono pronunciati a favore di un obiettivo che preveda una riduzione dal 40% al 70% delle emissioni rispetto a quelle del 2010 entro il 2050, "nell'ambito di una risposta mondiale". I Paesi del G7 si sono impegnati a "fare la loro parte per arrivare a una economia mondiale che a lungo termine non consumi eccessivo carbonio".

Articoli correlati

Clima, l’allarme del Cnr: ‘’In Italia il 2017 è stato l’anno più secco dal 1800’’
Pubblicato il 04/12/2017 • leggi all'articolo
Clima, l’Onu lancia l’allarme: “Il 2016 sarà l’anno più caldo di sempre”
Pubblicato il 14/11/2016 • leggi all'articolo
Clima: Agosto 2016 è stato il più caldo degli ultimi 136 anni
Pubblicato il 16/09/2016 • leggi all'articolo
Nasa: “Terra a forte rischio, mai così caldo in 1000 anni”
Pubblicato il 02/09/2016 • leggi all'articolo
Clima, Nasa: "Gennaio più caldo di sempre nel 2016"
Pubblicato il 19/02/2016 • leggi all'articolo
Mari troppo caldi, i granchi scelgono la terraferma
Pubblicato il 01/02/2016 • leggi all'articolo
Maltempo in arrivo in Italia: temperature in calo
Pubblicato il 01/02/2016 • leggi all'articolo
Clima: i parassiti killer minacciano le colture
Pubblicato il 27/01/2016 • leggi all'articolo
Clima: temperature in discesa, arriva il vero inverno
Pubblicato il 18/01/2016 • leggi all'articolo
Clima: l'era glaciale ritarderà di 100mila anni
Pubblicato il 15/01/2016 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus