15/10/15 Giubileo, il Garante: "Scioperi? Serve una tregua per legge"

ROMA. Roma 15 ottobre 2015 La data di inizio del Giubileo si avvicina e per scongiurare disagi per i pellegrini, il presidente della Commissione di Garanzia sugli scioperi Roberto Alesse, in audizione al Senato, avverte delle necessità di una legge che nel caso dei grandi eventi consenta all'Autorità di "estendere l'obbligo di osservare la 'franchigia', il periodo in cui non è possibile attuare astensioni dal servizio". 

Durante l'anno santo una tregua degli scioperi sarebbe utile "oltre che per evidenti motivi di sicurezza collegati al grande flusso di utenti - continua il Garante per gli scioperi - anche per la tutela dell'immagine del Paese". Proprio in riferimento a questo aspetto, Alesse è tornato sul decreto legge voluto da Renzi e Francheshini che equipara i musei ai servizi pubblici essenziali, sostenendo l'utilità della misura e aggiungendo che "sarebbe tuttavia importante che, già in sede di conversione del decreto legge, si provvedesse a introdurre la norma pro Giubileo". Il garante ha affrontato poi il tema degli scioperi selvaggi, in cui i lavoratori si astengono dal lavoro illegittimamente.

Secondo Alesse "sarebbe opportuna l'individuazione di un'apposita sanzione per i singoli lavoratori" e spiega che la sanzione sarebbe "pecuniaria nella forma della sospensione del servizio e della relativa retribuzione, determinata nel minimo e nel massimo". Per il presidente della Commissione di Garanzia sugli scioperi, colpire il singolo lavoratore in caso di scioperi selvaggi in caso di scioperi selvaggi "è estremamente importante soprattutto quando si verificano 'astensioni spontanee' dei lavoratori, in modo autonomo e senza che vi sia il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali".

Roberto Alesse ha parlato "di una tipizzazione delle sanzioni individuali, con l'obbligo per il datore di lavoro di comminarle, che renderebbe più certa e meno eludibile la punibilità del lavoratore a seguito di sciopero illegittimo". Un dato interessante poi è arrivato dal mondo della pubblica istruzione. Secondo il garante, gli scioperi nel settore scuola hanno subito nel 2015 "una brusca impennata con 52 proclamazioni e 45 azioni di sciopero nazionale effettive", con un aumento rispetto al 2014 del 200%. Un numero significativo che sottolinea la reazione del corpo docenti alla riforma voluta dal governo Renzi.

 

Articoli correlati

Roma: incendio all’impianto di trattamento rifiuti di Rocca Cencia
Pubblicato il 25/03/2019 • leggi all'articolo
Classifica qualità della vita: primo posto a Bolzano, crolla Roma. Napoli 108esima
Pubblicato il 19/11/2018 • leggi all'articolo
Roma: sgomberato il centro migranti Baobab
Pubblicato il 13/11/2018 • leggi all'articolo
Roma: urla ‘’buffone’’ a Salvini, denunciata 59enne
Pubblicato il 13/11/2018 • leggi all'articolo
Roma: ossa nella sede della Nunziatura, forse di Emanuela Orlandi
Pubblicato il 31/10/2018 • leggi all'articolo
Roma: tenevano segregata in casa la figlia 17enne perchè lesbica, la giovane scappa e avvisa la polizia
Pubblicato il 02/10/2018 • leggi all'articolo
Roma: auto su pedoni in zona San Pietro, 5 feriti
Pubblicato il 20/09/2018 • leggi all'articolo
Roma: militare 25enne si spara a Palazzo Grazioli
Pubblicato il 30/07/2018 • leggi all'articolo
Roma: allarme ragno violino, numerosi ricoveri in ospedale
Pubblicato il 17/07/2018 • leggi all'articolo
Roma: scritta BR su lapide Aldo Moro in via Fani
Pubblicato il 22/03/2018 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus