21/10/16 Dramma a Torino: sommerso dai debiti uccide la moglie e si impicca

TORINO. Ci sarebbero motivi economici dietro l'omicidio-suicidio avvenuto questa mattina in un condominio alla periferia di Torino, al civico 376 di corso Orbassano, dove un uomo ha ucciso a martellate la moglie e poi si è impiccato.

   Gli investigatori della squadra mobile stanno raccogliendo testimonianze e hanno trovato un biglietto che il marito, di 69 anni, ha lasciato in casa dopo avere ucciso la moglie, di 72 anni. L'uomo è poi sceso in cantina e si è impiccato. I poliziotti hanno ritrovato il corpo dell'uomo attraverso lo stesso biglietto.

   A dare l'allarme il figlio della coppia, a cui il padre prima di compiere il gesto estremo avrebbe inviato alcuni sms. La coppia aveva anche una figlia che, come il fratello, vive ormai da tempo per conto suo. (ANSA)

Articoli correlati

Torino: 12enne trovato morto con laccio al collo, su un bilietto la frase ‘’voglio sparire’’
Pubblicato il 09/04/2018 • leggi all'articolo
Torino: bimba di tre anni non vaccinata, vigili urbani non la fanno entrare a scuola
Pubblicato il 05/04/2018 • leggi all'articolo
Torino: 15enne cade sotto treno e muore sotto gli occhi dei compagni
Pubblicato il 04/04/2018 • leggi all'articolo
Torino: incassa per dieci anni la pensione della nonna defunta, denunciato 40enne
Pubblicato il 27/03/2018 • leggi all'articolo
Torino: scontro al corteo antifascista contro CasaPound
Pubblicato il 23/02/2018 • leggi all'articolo
Torino: 46enne si dà fuoco in auto dopo lite con la moglie
Pubblicato il 02/01/2018 • leggi all'articolo
Torino: perseguitarono compagno di scuola, due bulli condannati a 8 anni e 6 mesi
Pubblicato il 30/10/2017 • leggi all'articolo
Torino: aghi sparati sui passanti da auto in corsa, cinque feriti
Pubblicato il 04/10/2017 • leggi all'articolo
Belotti ko: a rischio gli spareggi con la Nazionale
Pubblicato il 02/10/2017 • leggi all'articolo
Torino, blitz al parco Valentino: 16 arresti per droga
Pubblicato il 18/09/2017 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus