26/02/19 Festival di Sanremo e decorazioni floreali sul palco: una curiosità ''storica''

ROMA. Si è appena concluso il Festival di Sanremo, un evento che è considerato non solo un’icona del mondo musicale italiano, ma anche della TV italiana a livello generale.

Relativamente a questa manifestazione canora si potrebbero raccontare tanti aneddoti, tante curiosità, come ad esempio il legame che lega il Festival al mondo dei fiori.

I fiori, vero simbolo della città di Sanremo

Gli osservatori più attenti avranno notato che in quest’ultima edizione sono comparsi in più di un’occasione, sul palco, dei bei bouquet di fiori, e le decorazioni floreali sono considerate una sorta di simbolo della città di Sanremo.

A Sanremo infatti vi sono tantissime aziende impegnate nel settore vivaistico, le quali sono in grado di fornire dei fiori davvero splendidi, includendo anche varietà esotiche e tutt’altro che diffuse.

Sicuramente in questa città ligure vi è una tradizione molto antica per quel che riguarda la coltivazione di fiori, ma oltre a questo vi sono anche delle condizioni particolarmente favorevoli per lo svolgimento di questo tipo di attività, in primis dal punto di vista climatico.

Alla luce di questo non desta stupore il fatto che la città di Sanremo sia ornata in molti suoi ambienti urbani con dei bellissimi fiori, i quali sanno catturare l’attenzione già a primo acchito.

I fiori sanremesi e il Festival

La straordinaria tradizione botanica di Sanremo ha sempre avuto un legame anche con la famosa manifestazione canora che viene ospitata rigorosamente da questa città, ed è proprio a tal riguardo che è possibile svelare una curiosità la quale risulterà interessante soprattutto a chi è molto giovane e non può ricordare le edizioni di Sanremo di oltre un decennio addietro.

In passato infatti il palco del teatro Ariston, sede storica del Festival, veniva ornato con tantissimi fiori, al punto che erano proprio le decorazioni floreali ad essere le protagoniste della scenografia.

Da molti diversi anni, invece, i palchi sono privi di fiori: queste eccellenze sanremesi vengono sfoggiate in altro modo, soprattutto per quel che riguarda le decorazioni esterne del teatro e il relativo red carpet, ma non si individuano sulla scenografia del palco.

Ma quando è stata, dunque, l’ultima edizione di Sanremo in cui il palco è stato abbellito con dei fiori?

Palchi decorati con fiori: le ultime edizioni

Per rispondere a questa domanda è necessario fare un viaggio nel tempo piuttosto lungo: l'ultima edizione in cui i fiori erano parte integrante della scenografia sembra essere addirittura quella del 1999, ovvero la quarantanovesima edizione del famoso festival.

L’edizione in questione, la quale fu presentata da Fabio Fazio e vide vincitrice Anna Oxa, presentava un palco abbellito da alcuni fiori, sebbene piuttosto discreti.

Anche nelle edizioni precedenti, dunque ad esempio quella del 1998 e quella del 1997, non mancava un tocco floreale ad abbellire il palco, ma per individuare delle decorazioni ancor più vistose è necessario andare ancor più indietro negli anni.

Prima degli anni Novanta le decorazioni floreali erano davvero molto evidenti: nell’edizione 1989, ad esempio, tanti fiori colorati ornavano non solo la parte frontale del palco, ma anche alcuni elementi visibili dietro i cantanti ed i presentatori.

I fiori faranno ritorno sul palco?

I fiori torneranno a far parte della coreografia di un’edizione del Festival? È difficile dirlo, anche in considerazione del fatto che sono ormai 15 anni che l’organizzazione di quest’importante evento sceglie di relegare questo tipo di decorazioni alle parti esterne dell'Ariston.

Sicuramente a livello generale si sta dedicando un’importanza sempre crescente alle piante “indoor”, a tal riguardo risulta molto interessante quest’approfondimento dedicato alle piante da appartamento a cura del Master Gardener Tiziano Codiferro, e magari potrebbe essere proprio questa una ragione che potrebbe portare le decorazioni floreali a far ritorno sul palco del Festival di Sanremo dopo tantissimo tempo.

 

comments powered by Disqus