Il FMI afferma: “Il denaro delle tasse per aiutare a ridurre la disuguaglianza causata da Covid”

I governi dovrebbero considerare di aumentare le tasse sui ricchi per aiutare a comprare il valore di Covid, dice il fondo internazionale.

Ha suggerito che un aumento di breve durata delle tasse sulla ricchezza o sui redditi elevati potrebbe aiutare ad affrontare le disuguaglianze che si sono ampliate a causa della crisi.

Nella sua relazione fiscale, ha aggiunto che la mossa aiuterebbe le peggiori sofferenze della pandemia a sentire una via di coesione.

Ma l’organizzazione ha informato i governi di “valutare attentamente i compromessi”.

Il Fondo internazionale (FMI) ha indicato la riforma delle attuali politiche sulle tasse di successione o sulla proprietà, per esempio, prima di passare alle tasse sul patrimonio.

“Per aiutare a soddisfare le esigenze di finanziamento legate alla pandemia, i responsabili politici potrebbero prendere in considerazione un contributo di recupero Covid-19 di breve durata, riscosso su redditi elevati o ricchezza”, afferma il rapporto.

“Per accumulare le risorse necessarie per migliorare l’accesso ai servizi di base, rafforzare le reti di sicurezza e rinvigorire gli sforzi per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, sono necessarie riforme fiscali nazionali e internazionali, soprattutto quando la ripresa acquista slancio”, ha affermato.

Un’imposta sul patrimonio in genere si rivolge alle attività di proprietà dei contribuenti, come proprietà o investimenti. Il suo utilizzo è diminuito negli ultimi decenni.

La Wealth Tax Commission nel Regno Unito lo scorso anno ha rilevato che un’imposta una tantum sul patrimonio con un’aliquota del 5% superiore a £ 500.000 per individuo avrebbe raccolto £ 260 miliardi nel Regno Unito. Ha avvertito che un’imposta annuale sulla ricchezza sarebbe stata più difficile da consegnare in quanto i ricchi avrebbero probabilmente modificato il loro comportamento per evitare di essere schiacciati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *