11/03/13 Morto ingegnere italiano rapito in Nigeria

 

Silvano Trevisan, l'ingegnere italiano 69enne rapito tre settimane fa nel nord della Nigeria, è morto. Lo ha confermato la Farnesina. Il corpo del tecnico è stato riconosciuto in un nuovo video su Youtube.

Trevisan era stato sequestrato insieme ad altri sei colleghi tra il 16 e il 17 febbraio nello stato federale di Bauchi. La Farnesina ha definito l'esecuzione degli ostaggi "un atroce atto di terrorismo" per cui l'Italia esprime "la più ferma condanna e che non può trovare alcuna spiegazione, se non quella di una violenza barbara e cieca". " In questi momenti ci teniamo in costante contatto e ci stringiamo con grande solitarietà ed affetto attorno alla famiglia del nostro valoroso connazionale Silvano Trevisan e siamo vicini ai congiunti degli altri ostaggi".

"Ho appreso con costernazione, dopo ore di ansietà, la dolorosa notizia del barbaro assassinio del connazionale Silvano Trevisan, dopo un lungo sequestro mentre onorava la migliore tradizione del lavoro italiano all'estero", ha detto il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio inviato alla famiglia di Silvano Trevisan. "Nell'esprimere alla famiglia, in questo momento di grande sofferenza, il cordoglio dell'intera nazione e i miei personali sentimenti di solidarietà - prosegue il messaggio reso noto dal Quirinale -, mi unisco alla ferma condanna di tutti i Paesi colpiti dall'efferato delitto contro ostaggi inermi per riaffermare l'impegno della comunità internazionale nell'assicurare alla giustizia i responsabili, contrastare la minaccia terroristica e garantire la sicurezza del lavoro e delle persone in un'area cruciale per la pace".

 

comments powered by Disqus