04/05/13 Bonanni al governo: '1,5 miliardi di euro entro maggio per cig in deroga'

Uno dei maggiori problemi che deve affrontare il governo appena insediato è quello di prendere tempestivi provvedimenti per i lavoratori dipendenti che a oggi sono in cassa integrazione in deroga e in alcune province i pagamenti sono già sospesi (in prov. di Caserta, alcuni dipendenti hanno percepito l'ultima retribuzione a dicembre e quindi da 4 mesi senza alcuna forma di sostegno).

Il segretario nazionale della CISL, Raffaele Bonanni, in un'intervista rilasciata all'ANSA ha rinnovato il suo appello al nuovo governo: "1,5 miliardi di euro entro maggio" per il rifinanziamento della cig in deroga, dal momento che sono "a rischio oltre 700mila cassintegrati, che altrimenti andranno ad aumentare le fila dei disoccupati". Bonanni ha sottolineato come anche il problema esodati sia da prendere in considerazione al più presto. Il segretario invita dunque il governo a aprire un confronto con le parti sociali per trovare una soluzione ai problemi di cui soffre buona parte della popolazione. 

Per Bonanni il nuovo esecutivo come prima iniziativa dovrebbe prendere in esame una seria riforma fiscale: "È arrivato il momento di abbassare fortemente le tasse sui lavoratori dipendenti e sui pensionati. Bisogna ridurre il cuneo fiscale. Non c'è più tempo da perdere". "La priorità è il taglio delle tasse più che l'IMU".

comments powered by Disqus