06/12/17 Coordinamento Provinciale Forza Italia Giovani: ''Biodigestore? Ecco la nostra posizione''

CASERTA. "Domenica 26 novembre il Coordinamento Provinciale e il Coordinamento cittadino di Forza Italia giovani sono scesi per le strade di Caserta, illustrando ai cittadini la problematica legata alla costruzione del biodigestore, facendosi portavoce di quello che dovrebbe essere l'obiettivo comune, al di là dei colori politici: il benessere della nostra Provincia, e, di conseguenza, dei suoi abitanti.

Caro Sindaco Marino, se per lei questa priorità è sinonimo di 'non studiare, essere asini, essere ebeti (E chi più ne ha più ne metta) beh.. siamo contenti di esserlo! Ciò, invece, che ci rende meno entusiasti é sicuramente il suo modo di affrontare e gestire una posizione diversa dalla sua, utilizzando un atteggiamento poco consono alla sua posizione politica, oltre che umana.

Sarà derivato, forse, da una sua combutta scelta interiore? Del resto, Signor Sindaco, non era lei a contestare la scelta della localizzazione nel non lontano 2013? Non era lei a sottolineare che lo smaltimento dei rifiuti doveva avvenire in zone della città in cui l'impatto sarebbe stato sostenibile? E la cosa sorprendente vuole sapere qual é? Noi il 26 novembre, in una fredda domenica invernale, eravamo al gazebo a chiedere alla gente un aiuto per poter proporre un cambiamento della scelta della localizzazione, evitando così l'impatto negativo sul turismo e alla salute dei cittadini ( considerando che il biodigestore verrebbe realizzato nelle vicinanze della nostra Reggia, tanto amata e invidiata).

In sintesi, abbiamo chiesto ciò che lei avrebbe voluto chiedere solo 4 anni fa. Ha, tra l'altro, affermato che chi non appoggia la scelta del biodigestore favorisce la camorra. Considerando il suo cambio di rotta, noi andremmo cauti nelle affermazioni. Sicuri di un prossimo atteggiamento più affine al suo essere il nostro Primo Cittadino, le porgiamo i nostri Distinti Saluti".

Coordinamento Provinciale Forza Italia Giovani. 

comments powered by Disqus