18/03/15 Città di Castello: entra in palestra e si masturba davanti ai bambini, arrestato

PERUGIA. I poliziotti del commissariato di Città di Castello hanno arrestato un 53enne di origine argentina, con precedenti penali. L'uomo è entrato nella palestra della Scuola Cavallotti ed ha iniziato a masturbarsi mentre guardava i bambini di 7-8 anni che facevano educazione fisica. In quel momento erano presenti anche alcuni genitori che si sono accorti della cosa e hanno immediatamente chiamato la polizia.

Quando gli agenti sono arrivati lo hanno trovato ancora intento a masturbarsi. I bambini, purtroppo, hanno assistito alla scena raccapricciante. L’uomo a quel punto è stato arrestato e portato nel carcere perugino di Capanne con l’accusa di violenza sessuale e atti osceni in luogo pubblico con l’aggravante della presenza di minori.  

Articoli correlati

Rose McGowan, il caso Weinstein e la violenza sessuale non riconosciuta ad Hollywood
Pubblicato il 08/03/2018 • leggi all'articolo
Napoli, bambini usati per confezionare droga: 45 arresti
Pubblicato il 17/01/2017 • leggi all'articolo
Napoli: ucraina sequestrata e violentata sul Vesuvio, due arresti
Pubblicato il 12/09/2016 • leggi all'articolo
Reggio Calabria: violenza sessuale di gruppo su una minorenne, nove arresti
Pubblicato il 02/09/2016 • leggi all'articolo
Donna uccisa a Città di Castello: il figlio resta in carcere
Pubblicato il 13/01/2016 • leggi all'articolo
Città di Castello: donna morta in casa, indagato il figlio
Pubblicato il 30/12/2015 • leggi all'articolo
Papa Francesco: ''Bambini non sono mai un errore, non scarichiamo su di loro le nostre colpe''
Pubblicato il 08/04/2015 • leggi all'articolo
«Quella maestra maltratta i piccoli». Indagini scattate dopo le denunce dei genitori
Pubblicato il 03/03/2015 • leggi all'articolo
Parete, violenza inaudita di una maestra
Pubblicato il 28/01/2015 • leggi all'articolo
Parete, arresto maestra - Vitale: ''Piena solidarietà alle famiglie e ai bambini''
Pubblicato il 22/01/2015 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus