27/11/17 Puliamo il mondo, oggi la tappa aversana con gli alunni delle scuole comunali

AVERSA. Anche ad Aversa ha fatto tappa la storica iniziativa “Puliamo il mondo” organizzata da Legambiente, in collaborazione con l’ANCI e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e del Ministero dell’Istruzione. Questa mattina gli studenti delle scuole  comunali sono stati coinvolti in iniziative che mirano ad intervenire per ripulire alcuni punti della città, in particolare sono state ripulite le aiuole della Villa Comunale in piazza Principe Amedeo.

Si tratta di una iniziativa alla quale Aversa ha aderito grazie al sindaco Enrico de Cristofaro, all’Assessore Maria Carmen De Angelis e tutta la Commissione Ambiente presieduta dal consigliere Michele Galluccio. L’assessore al ramo ha anche ottenuto che la giunta municipale approvasse una apposita delibera che sancisse lo svolgimento delle attività di “Puliamo il Mondo” in città. I più giovani sono stati in questo modo coinvolti direttamente nella cura degli spazi della propria città, imparando l’importanza di mantenerla pulita e ponendo rimedio anche ai comportamenti scorretti degli adulti, dando il loro contributo in luogo particolarmente centrale e simbolico come la Villa Comunale.

In questo modo i più piccoli, secondo quanto ha dichiarato l’Assessore De Angelis, sono scesi in campo per “dare un concreto segnale di civiltà, seguendo un obbiettivo principale di questa Amministrazione, che ritiene sia necessario promuovere e diffondere la cultura della sostenibilità attraverso la valorizzazione del capitale naturale urbano.”

Alla manifestazione, che ha visto una pulizia simbolica della Villa Comunale hanno partecipato oltre l’assessore all’ambiente Marica de Angelis ed il consigliere comunale Michele Galluccio, presidente della commissione ambiente, anche il sindaco Enrico de Cristofaro nonché i volontari del nucleo comunale di Protezione Civile, il nucleo ambiente dei Vigili Urbani e gli operatori della Senesi spa, ditta che si occupa del servizio di igiene urbana.

comments powered by Disqus