22/05/15 Dheepan: l'odissei dei migranti dallo Sri Lanka al Festival di Cannes

CANNES. Il film di Jacques Audiard, Dheepan è stato presentato al Festival di Cannes 2015, i temi affrontati sono fonte di riflessione. Si parla di immigrazione clandestina, della paura dei ghetti malfamati francesi, la pietà, la famiglia, la speranza. Il regista francese Jacques Audiard parla di tante problematiche.

Dheepan è un film con ritmo sostenuto, difatti lo spettatore è sempre in tensione e segue la trama attentamente. Si affrontano questioni politiche e nel prologo ci sono anche sequenze di denuncia.

Dheepan è un capo guerrigliero Tamil che arriva fortunosamente in Francia con la sua pseudo-famiglia per cercare asilo politico. La sua guarnigione è stata sterminata, la sua vera famiglia idem. La donna e la ragazzina che lo accompagnano sono due perfette estranee, anche tra di loro. Ma è come famiglia in cerca d’asilo che vengono accolti in Francia e sistemati in un grande caseggiato popolare in qualche sperduta banlieue dove Dheepan fa il portiere e sua “moglie” la badante per un arabo malato. Mentre la loro finta “figlia”, la più svelta a imparare quache parola di francese, cerca di adattarsi a quel mondo nuovo e tutt’altro che accogliente. Il problema è che Dheepan ha la guerra dentro. Vorrebbe la pace ma non può dimenticare il suo paese, il suo popolo, i suoi uomini sterminati dalle forze governative. E quando i giovani malavitosi che controllano l’area con i soliti metodi mafiosi iniziano a alzare troppo la cresta, decide di non stare a guardare... Si pensa a Gran Torino di Clint Eastwood, altra storia di un reduce costretto a tornare in azione nel suo quartiere, ma a ruoli invertiti. I delinquenti sono per lo più magrebini e africani che lo Sri Lanka non sanno nemmeno dove sia. In qualche modo Dheepan è il “loro” arabo, l’ultimo arrivato, un paria ancora più paria di loro. Ma questa è solo l’ultima parte del film, che per il resto segue con grande finezza e adesione emotiva i tre percorsi paralleli di Dheepan, della donna e della ragazzina. Gettando sulla Francia (sull’Europa) multiculturale di oggi uno sguardo crudo e rivelatore. Un gran bel film, che si aggiunge al ristretto numero di quelli in lizza per la palma d’oro.

Articoli correlati

Festival di Cannes: Ken Loach vince la palma d'oro per "I, Daniel Blake"
Pubblicato il 25/05/2016 • leggi all'articolo
Festival di Cannes: nessun film italiano in gara per la Palma d'Oro
Pubblicato il 14/04/2016 • leggi all'articolo
Festival di Cannes: vince Jaques Audiard con Dheepan, Italia a mani vuote
Pubblicato il 25/05/2015 • leggi all'articolo
Cannes: grande successo per il nuovo film di Sorrentino ''La giovinezza''
Pubblicato il 21/05/2015 • leggi all'articolo
Cannes: successo per ''Sicario'' con Benicio Del Toro ed Emily Blunt
Pubblicato il 20/05/2015 • leggi all'articolo
Festival di Cannes: grande successo per Mediterranea, il film sulla rivolta di Rosarno
Pubblicato il 20/05/2015 • leggi all'articolo
Cannes: delusione per l'amore incestuoso di ''Marguerite & Julien''
Pubblicato il 20/05/2015 • leggi all'articolo
Cannes, Justin Bieber torso nudo sulla Croisette
Pubblicato il 21/05/2014 • leggi all'articolo
Le Meraviglie: anche Monica Bellucci nel cast
Pubblicato il 13/05/2014 • leggi all'articolo
Approda a Cannes ''Più buio di mezzanotte'', opera prima di Sebastiano Riso
Pubblicato il 24/04/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus