11/10/17 Bologna: evadono dopo il pranzo con Papa Francesco, ricercati due pericolosi detenuti

BOLOGNA. Hanno pranzato con Papa Francesco durante la sua visita a Bologna, ma poi non hanno fatto più rientro nella casa di reclusione a custodia attenuata di Castelfranco Emilia. I due, italiani, si sono allontanati dai volontari che accompagnavano la comitiva, una ventina di persone circa, e hanno fatto perdere le loro tracce.

Non si vedono infatti dal primo ottobre, giorno della visita del Santo Padre.  La segnalazione dell'allontanamento delle due persone, che già in passato erano riuscite ad allontanarsi dalla struttura per brevi periodi, è stata inviata alle autorità e sono stati avviati accertamenti, presumibilmente da parte della polizia penitenziaria. Sembra inoltre che siano state raccolte informazioni in Curia a Bologna in merito all'organizzazione del pranzo con Papa Bergoglio, al quale i due avrebbero dovuto prendere parte.

Articoli correlati

I 300 bravissimi dell'Unibo premiati da Alma Mater
Pubblicato il 22/07/2017 • leggi all'articolo
Bologna, dal 31 marzo torna il Tattoo Expo
Pubblicato il 28/03/2017 • leggi all'articolo
VIAREGGIO CUP. Gli azzurrini del Napoli superano il Bologna e volano ai quarti!
Pubblicato il 22/03/2017 • leggi all'articolo
Bologna, sabato ci sono i Foja in concerto
Pubblicato il 28/02/2017 • leggi all'articolo
Coppa Italia: anche l'Inter vola ai quarti, sconfitto 3-2 il Bologna dopo i supplementari
Pubblicato il 18/01/2017 • leggi all'articolo
Qualità della vita 2016: Bologna nella top ten, Napoli 107esima
Pubblicato il 12/12/2016 • leggi all'articolo
Bologna: inseguimento con sparatoria sulla A14, 5 arresti
Pubblicato il 26/10/2016 • leggi all'articolo
Bologna: perseguitava l’ex moglie, arrestato 47enne
Pubblicato il 29/08/2016 • leggi all'articolo
BolognaFiere: protesta dei lavoratori in Regione
Pubblicato il 21/07/2016 • leggi all'articolo
Il Bologna interessato a Gabbiadini, il Napoli potrebbe chiedere Diawara
Pubblicato il 05/06/2016 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus