04/09/15 Scandalo Wikipedia in Gran Bretagna: bloccata rete di ricattatori

LONDRA. Wikipedia, l’enciclopedia online più nota al mondo ha posto fine alle estorsioni che alcuni soggetti, introducendosi illegalmente nel sistema, avevano messo in atto nel Regno Unito a scapito di piccoli imprenditori e celebrità minori. 

Le vittime venivano contattate e 'invitate' a pagare una somma per ottenere una soprta di protezione ed evitare di essere esposti a informazioni negative sulle pagine di Wikipedia.

Sembra che dietro a tutto questo ci sia una rete di cospiratori, in quanto le modifiche che venivano effettuate sui profili erano tutte abbastanza simili tra loro. Il giornale rivela che sotto tiro sono finite le persone più diverse: da un noto fotografo di matrimoni del Dorset a un gioielliere di di Londra, da alcune starlet a un ex concorrente del popolare talent show televisivo 'Britain's Got Talent'. 

Wikipedia è stata fondata nel 2001 a San Francisco, è completamente gratuita e si mantiene in vita grazie alle donazioni. A proteggere l'autenticità delle informazioni che circolano sulle pagine ci sono 250 persone, che però come in questo caso, non riescono ad arginare gli utenti una volta registrati possono modificare o creare una nuova pagina, lasciando così aperta la porta agli abusi. 

La web enciclopedia riceve in media tra le 25.000 e le 60.000 richieste al secondo di aggiornamento delle pagine. In totale su Wikipedia - che è visitato da 439 milioni di persone, che ne fanno tra i primi dieci siti al mondo - esistono oltre 35 milioni di voci (pari a 136 milioni di pagine) in 290 'lingue', molti dialetti. 

Articoli correlati

Esino Lario: parte il raduno di Wikimania
Pubblicato il 24/06/2016 • leggi all'articolo
Wikipedia cancella Salvatore Aranzulla: scoppia la polemica
Pubblicato il 13/06/2016 • leggi all'articolo
Wikipedia: l'enciclopedia online compie 15 anni
Pubblicato il 18/01/2016 • leggi all'articolo
Wikipedia lancia ORES: l'intelligenza Artificiale che migliora i contenuti
Pubblicato il 07/12/2015 • leggi all'articolo
Campania (in)felix: prepariamoci ad una nuova Shoah
Pubblicato il 12/09/2013 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus