28/07/16 Il Garante per la privacy: “Change.org vende le nostre email”

ROMA. Il Garante della privacy ha aperto un’istruttoria su Change.org Inc., l’azienda che gestisce la piattaforma internazionale (è presente in 196 Paesi) di petizioni online. Il sito dovrà fornire dettagli tecnici sulla gestione e il trattamento dei dati personali degli utenti, che solo in Italia raggiungono quota 5,6 milioni. 

«L’intervento - si legge nel comunicato pubblicato dal Garante - si è reso necessario, oltre che a seguito di un’ analisi preliminare già effettuata sul sito, anche alla luce di notizie pubblicate sui media in merito alle specifiche modalità di trattamento dei dati personali, anche sensibili, degli utenti».

Il sito dovrà inoltre chiarire se gli utenti sono al corrente di come verranno utilizzati i loro dati e se «se sono stati predisposti eventuali meccanismi per l’acquisizione del loro consenso all’uso dei dati personali, anche in considerazione della possibile natura sensibile delle informazioni raccolte». 

Articoli correlati

Privacy: Facebook sospende condivisione dati con WhatsApp
Pubblicato il 18/11/2016 • leggi all'articolo
Corte Ue: "Usa non garantiscono protezione dei dati"
Pubblicato il 07/10/2015 • leggi all'articolo
Facebook, l'Ue difende la privacy: "No al trasferimento di dati personali ai server Usa"
Pubblicato il 25/09/2015 • leggi all'articolo
Privacy: entra in vigore la nuova normativa sui cookie
Pubblicato il 03/06/2015 • leggi all'articolo
Governo: presentate 500mila firme contro vitalizi ai condannati
Pubblicato il 07/05/2015 • leggi all'articolo
Massimo Pagani nuovo garante per l'infanzia, scoppia la polemica
Pubblicato il 15/04/2015 • leggi all'articolo
Casal di Principe, latitante si tradisce su Facebook e viene arrestato
Pubblicato il 02/03/2015 • leggi all'articolo
Capodanno: la petizione di Change.org contro i botti di fine anno
Pubblicato il 29/12/2014 • leggi all'articolo
Privacy: Apple e Google lanciano la sfida
Pubblicato il 22/09/2014 • leggi all'articolo
Ue contro Google, arrivano le prime richieste di rimozione dei link
Pubblicato il 16/05/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus