12/07/17 IL VESUVIO IN FIAMME: la catastrofe dell'uomo

NAPOLI. Ci siamo spesso chiesti cosa fare, dove andare, in seguito all'eruzione del Vesuvio, come reagire dinnanzi ad una catastrofe naturale. Mai immaginavamo potesse accadere ciò, l'uomo che gioca ad appiccare il fuoco sul Vesuvio, l'uomo che sifda la natura..

Proprio questo è accaduto, oggi la situazione è "nera", nel vero senso della parola, il cielo dei paesi vesuviani è ricoperto da un fumo scuro e denso e da stanotte nei quartieri vicini come Ponticelli, Barra, San Giovanni e San Giorgio a Cremano si respira una profonda puzza di bruciato.Le fiamme inizialmente sono partite da una zona compresa fra Ottaviano e Terzigno, poi il vento le ha spostate trascinandole fino alla fascia litoranea, sempre più vicine alle zone abitate. Subito sono scattate le procedure di emergenza: bloccate tutte le vie di accesso al vulcano di Napoli, evacuati ristoranti e abitazioni nei comuni di Ercolano e Torre del Greco. La situazione da ieri pomeriggio è solo degenerata fino all'arrivo dei soccorsi. Sono stati messi in salvo 700 cani dal canile alle pendici del Vesuvio, i cittadini delle zone hanno vissuto una notte di terrore. L'incendio è doloso, ciò è stato accertato dalla Polizia Forestale, probabilmente chi ha agito conosceva bene il posto e si dice abbia utilizzato animali, probabilmente dei gatti per favorire l'incendio, otto roghi circa si contano. 

Non è l'unico posto a bruciare il Vesuvio, da giorni si contano roghi tossici nell'area Nord, tra Calvizzano, Mugnano, Villaricca, Giugliano, Secondigliano e ieri è stato avvistato un fumo nero e denso anche nella zona di Poggioreale. Le persone sono costrette a respirare l'odore tossico dei rifiuti, l'aria ricca di diossina, il fumo nero che brucia gli occhi, la situazione sta diventando insopportabile. La Terra dei fuochi continua a bruciare, per volere di chi? lo sappiamo e nessuno fa niente. I cittadini si chiedono cosa hanno fatto di male, perchè sono considerati diversamente dagli altri cittadini italiani, perchè sono costretti a subire ciò, nessuno trova una spiegazione però. 

Questa non è stata una bella settimana per la Campania: tra il crollo a Torre Annunziata su cui si sta indagando in queste ore, i vari roghi tossici e l'incendio sul Vesuvio, a pagare le scellerate gesta di queste persone sono solo i cittadini e intanto da oggi l'immagine del Vesuvio in fiamme non ce la leveremo dalla testa..

Articoli correlati

Aiello: ''Cara Lorenzin, lei ha ucciso mio padre due volte''
Pubblicato il 25/09/2017 • leggi all'articolo
Lorenzin: '' Tumori in Campania? Colpa dell'inquinamento, ma anche degli stili di vita''
Pubblicato il 25/09/2017 • leggi all'articolo
Casal di Principe: domani la presentazione di ''Veleno'', il film che racconta la vera Terra dei Fuochi
Pubblicato il 21/09/2017 • leggi all'articolo
Flash mob sotto la Regione Campania: ''Questi i fumi che respiriamo ogni giorno''
Pubblicato il 28/07/2017 • leggi all'articolo
Terra dei fuochi: post ironici sui malati di cancro, i parenti delle vittime chiedono maxi risarcimento
Pubblicato il 28/07/2017 • leggi all'articolo
Casalnuovo reagisce! Il corteo #StopBiodicio
Pubblicato il 25/07/2017 • leggi all'articolo
Terra dei Fuochi: De Luca firma protocollo d’intesa, in arrivo 40 milioni per riqualificazione ambientale
Pubblicato il 25/07/2017 • leggi all'articolo
StopBiocidio Casalnuovo, Aiello: ''Il sindaco dalla nostra parte? Che dica di no alla Ramoil''
Pubblicato il 25/07/2017 • leggi all'articolo
StopBiocidio Casalnuovo, Piccirillo: ''Non era scontata questa affluenza. Questa gente non vuole più tacere''
Pubblicato il 25/07/2017 • leggi all'articolo
ULTIM'ORA: Anche Ponticelli brucia
Pubblicato il 16/07/2017 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus