07/01/14 ''Harry Potter ed il calice di Jägermeiste'': ubriaco rovina recita delle scuole materne

UDINE. Come ogni anno a San Daniele del Friuli (UD) avrebbe dovuto tenersi la famosa recita scolastica di “inizio del nuovo anno”, tradizione che vede coinvolte molte scuole materne locali da oltre 30 anni.

Questo 2014 comincia però in una maniera diversa dal solito, durante la quarta recita infatti, intorno alle ore 21:20, irrompe a metà dello spettacolo un ragazzo diciannovenne (E.C.) vestito da Harry Potter.

Poteva venir considerato come un intervento scherzoso da parte di qualche parente, in tema con la recita, se non fosse per il fatto che, dopo la prima battuta riguardante il +15% in borsa della Fiat, estrae dal cappotto una bottiglia di Jägermeister per poi versarne un po’ in un calice placato in oro. “Ecco a voi Harry Potter ed il calice di Jägermeister!” è stata l’ultima frase urlata dal ragazzo visibilmente ubriaco davanti a bambini e genitori prima che fosse fatto scendere dal palco con forza dai maestri delle scuole.

Il ragazzo, che la sera aveva un tasso alcolico di 1,55, ora è sotto interrogatorio da parte dei carabinieri locali, ma resta ancora sconosciuto il motivo che lo ha spinto a compiere tale gesto. Una giovane mamma ha provveduto a denunciare il diciannovenne in quanto il figlio di 5 anni non ha resistito a bere un sorso di quella “pozione magica” caduta durante le manovre per far scendere il ragazzo dal palco. Fonte: fotoimbarazzanti.it

Francesco Carusone

Articoli correlati

Harry Potter: debutta l'ultimo libro della saga
Pubblicato il 01/08/2016 • leggi all'articolo
Harry Potter and the Cursed Child: l'ottavo episodio della Saga a teatro
Pubblicato il 26/10/2015 • leggi all'articolo
J.K, Rowilig: la coppia Ron Hermione non era prevista
Pubblicato il 03/02/2014 • leggi all'articolo
Il quarto circolo porta in scena il presepe
Pubblicato il 19/12/2013 • leggi all'articolo
USA, francobolli ''magici'': sul mercato Harry Potter
Pubblicato il 20/11/2013 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus