16/03/16 Furbetti del cartellino: 21 indagati alla Asl di Avellino

AVELLINO. Ancora furbetti del cartellino, questa volta all'Asl di Avellino. La Polizia di Stato ha eseguito 21 provvedimenti cautelari di sospensione dal servizio a carico di altrettanti dipendenti dell'Asl di Avellino con funzioni amministrative, mediche e paramediche, per il reato di truffa.

L'indagine ha permesso di evidenziare le condotte degli indagati mentre si assentavano in maniera ingiustificata dall'ufficio, allontanandosi dal posto di servizio anche a bordo delle proprie autovetture per recarsi in altri luoghi, spesso grazie alla condotta di altri colleghi che vidimavano anche per gli assenti.

Durante le indagini effettuate anche con videocamere nascoste gli investigatori hanno rilevato il comportamento di una guardia giurata predisposta alla vigilanza interna, che con un cacciavite tenta di rimuovere una delle microcamere nascoste.

Articoli correlati

Avellino: facevano prostituire minorenni, tre arresti
Pubblicato il 30/10/2017 • leggi all'articolo
Avellino: licenziati senza preavviso sette dipendenti dell'Asl
Pubblicato il 20/06/2016 • leggi all'articolo
Avellino, strage dell'A16: scoppia la protesta dei parenti delle vittime
Pubblicato il 10/04/2015 • leggi all'articolo
Avellino, ferito un carabiniere scambiato per rapinatore
Pubblicato il 04/12/2014 • leggi all'articolo
E' morto Antonio Sibilia, storico patron dell'Avellino
Pubblicato il 29/10/2014 • leggi all'articolo
Avellino, neonato abbandonato sulla Circumvesuviana ritrovato dal macchinista
Pubblicato il 17/03/2014 • leggi all'articolo
La terra trema ancora: sisma nel sannio e nell'irpinio
Pubblicato il 11/03/2014 • leggi all'articolo
Aversa Normanna, ingaggiato in centrocampista classe 87 Federico Comini
Pubblicato il 03/01/2014 • leggi all'articolo
La grande musica promossa dall'associazione ''I senza tempo''
Pubblicato il 19/12/2013 • leggi all'articolo
''L'altro Natale'' al carcere borbonico di Avellino
Pubblicato il 11/12/2013 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus