17/07/18 Linosa: 4 migranti annegati dopo tuffo da barcone

LINOSA. Sono annegati quattro dei trenta migranti che, alla vista delle navi Protector di Frontex e 'Monte Sperone' della guardia di finanza a largo di Linosa, si sono gettati a mare dal barcone su cui viaggiavano. Lo hanno confermato alla squadra mobile di Ragusa parenti e amici delle vittime. Per questo, al comandante e ai 10 componenti dell'equipaggio di scafisti del barcone, la Procura di Ragusa ha contestato anche il reato di morte come conseguenza di altro delitto.   Fino alla decisione del Viminale, il pattugliatore della Finanza Monte Sperone e la Protector di Frontex eramo rimasti ormeggiati nelle acque di Pozzallo in attesa di nuove disposizioni dopo che era stato consentito lo sbarco a donne e bambini, insieme a chi aveva bisogno di assistenza medica e ad alcuni uomini, per evitare che le famiglie venissero divise. 

Articoli correlati

Migranti, Salvini: ‘’Serviranno 80 anni per rimpatriarli tutti’’
Pubblicato il 10/09/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Macron: ‘’Io avversario di Orban e Salvini’’
Pubblicato il 30/08/2018 • leggi all'articolo
Caso Diciotti, la Procura di Agrigento: ‘’Fate scendere i bambini, valutiamo indagine per sequestro di persona’’
Pubblicato il 23/08/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Conte: ‘’serve comitato di crisi Ue’’
Pubblicato il 19/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Salvini esulta: ‘’Non siamo più campo profughi dell’Ue’’
Pubblicato il 16/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti: il governo respinge una nave italiana che ha soccorso 66 profughi
Pubblicato il 10/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, Di Maio: ‘’Cambiare le regole d’ingaggio Ue’’
Pubblicato il 09/07/2018 • leggi all'articolo
Migranti, accordo raggiunto con l’Ue. Conte: ‘’L’Italia non è più sola’’
Pubblicato il 29/06/2018 • leggi all'articolo
Lifeline: la nave ha attraccato a Malta, redistribuzione dei migranti tra 8 Paesi Ue
Pubblicato il 28/06/2018 • leggi all'articolo
Pozzallo: sbarca la nave Maersk con a bordo 110 migranti
Pubblicato il 26/06/2018 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus