31/03/16 Instagram: arriva la nuova timeline, gli utenti protestano

ROMA. Instagram è pronto a lanciare la nuova timeline che mostrerà i post non più in ordine cronologico ma secondo la popolarità decisa da un algoritmo. Gli utenti però, non sembrano gradire la novità, ed hanno cominciato a criticare il social network. «Vi ascoltiamo - ha twittato la compagnia - e assicuriamo che non sta cambiando niente al momento col vostro feed. Promettiamo di farvi sapere quando i cambiamenti saranno effettivi».

L'idea del social network è di diventare più simile a Facebook, abbandonando l'ordine cronologico dei post a favore di un feed di contenuti ordinato in base alle relazioni e al coinvolgimento. In questo modo chi aprirà Instagram si troverà davanti i post con più like e commenti, o quelli degli amici o familiari con cui s'interagisce più spesso.

Articoli correlati

Instagram pensa alle dirette streaming: spunta Go Insta
Pubblicato il 24/10/2016 • leggi all'articolo
Instagram: arriva il software che automatizza il profilo e fa guadagnare più notorietà
Pubblicato il 10/10/2016 • leggi all'articolo
Instagram introduce Stories: arrivano foto e video in stile Snapchat
Pubblicato il 03/08/2016 • leggi all'articolo
Instagram dice addio all'ordine cronologico, spazio ai post più rilevanti
Pubblicato il 07/06/2016 • leggi all'articolo
Miliziani iracheni mettono ai voti la vita di un prigioniero su Instagram
Pubblicato il 29/03/2016 • leggi all'articolo
Instagram: milioni di contenuti pornografici nascosti nel social network
Pubblicato il 17/03/2016 • leggi all'articolo
Instagram mostra le visualizzazioni video come YouTube
Pubblicato il 15/02/2016 • leggi all'articolo
Arriva su Instagram la nanoserie Shield 5: un thriller in 28 episodi da 15 secondi l'uno
Pubblicato il 05/02/2016 • leggi all'articolo
Facebook e Instagram vietano la vendita di armi tra privati
Pubblicato il 01/02/2016 • leggi all'articolo
Instagram lancia Video Feed: il suo primo canale tematico
Pubblicato il 03/11/2015 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus