01/10/18 Napoli: nel sottosuolo del Plebiscito un ipogeo voluto da Gioacchino Murat

NAPOLI. La città partenopea dimostra di essere ricca di storia, cultura e luoghi meravigliosi. Nel sottosuolo della basilica di San Francesco di Paolo, a Piazza Plebiscito, è stato ritrovato un ipogeo di oltre mille metri quadrati risalente all’Ottocento e costruito per  volere di Gioacchino Murat.

Si tratta di una rete di cunicoli scavati nel tufo che si dirama nel sottosuolo della città. L’area è stata riqualificata dal Comune e dal Provveditorato delle opere pubbliche e l’ipogeo sarà trasformato in una prestigiosa area espositiva dove si potranno organizzare diversi eventi.

L’intento è quello di creare visite guidate tra archi e pietre vulcaniche, attraverso una scala ed un ascensore di vetro, nel cuore della città di Napoli.

Articoli correlati

Napoli – stupro in Circumvesuviana: presi tre italiani tra i 18 ed i 20 anni
Pubblicato il 07/03/2019 • leggi all'articolo
Napoli – il giovane giornalaio affetto da autismo conquista la città
Pubblicato il 12/02/2019 • leggi all'articolo
Napoli - bomba contro l’ingresso della storica pizzeria di Gino Sorbillo: ‘’Andiamo Avanti’’
Pubblicato il 16/01/2019 • leggi all'articolo
Napoli, un tour ''geniale'': alla scoperta dei luoghi della Ferrante
Pubblicato il 08/12/2018 • leggi all'articolo
Napoli: uomo ucciso a coltellate durante una lite al centro storico
Pubblicato il 03/12/2018 • leggi all'articolo
Napoli: sequestra l’ex compagna e la riduce in fin di vita, arrestato 52enne
Pubblicato il 05/11/2018 • leggi all'articolo
Napoli: nuova scossa di terremoto nei Campi Flegrei, scuola evacuata e gente in strada
Pubblicato il 12/10/2018 • leggi all'articolo
Napoli: raid nella notte a Forcella, ferito 13enne
Pubblicato il 20/09/2018 • leggi all'articolo
Napoli: terremoto nei Campi Flegrei, paura tra la gente
Pubblicato il 19/09/2018 • leggi all'articolo
Napoli: esplode abitazione nei quartieri spagnoli, un morto e due feriti
Pubblicato il 17/09/2018 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus