27/01/16 Senato: via libera definitivo al decreto salva Ilva, è legge

ROMA. Via libera definitivo dell'aula del Senato al decreto Ilva. L'assemblea di palazzo Madama ha approvato con 157 sì, 95 no e 3 astensioni il  testo licenziato dalla Camera, che diventa legge. Tra le modifiche approvate in Parlamento si prevede che le risorse sequestrate al gruppo Riva dovranno essere destinate, a conclusione dei procedimenti penali, a un apposito fondo del ministero dell'Ambiente per le bonifiche e che le somme dovranno essere impiegate per interventi di bonifica sui territori dei comuni di Taranto e Statte ma anche per ulteriori investimenti per la riqualificazione e riconversione produttiva di quelle aree.

Infine, le imprese dell'indotto Ilva potranno beneficiare delle garanzie del Fondo di garanzia per le Pmi "fino all'80% dell'ammontare dell'operazione finanziaria" a titolo gratuito e fino ad un importo massimo di 2,5 milioni per impresa "nei limiti della dotazione finanziaria" del Fondo stesso. 

Articoli correlati

Ilva: Di Maio avvia iter per annullamento aggiudicazione gara
Pubblicato il 25/07/2018 • leggi all'articolo
Vitalizi: il Senato dice no a procedura d’urgenza, protesta del M5S
Pubblicato il 01/08/2017 • leggi all'articolo
Senato: ok alle dimissioni di Minzolini
Pubblicato il 20/04/2017 • leggi all'articolo
Senato: Pd battuto in Commissione Affari Costituzionali, rischio crisi di governo
Pubblicato il 06/04/2017 • leggi all'articolo
Il Senato respinge la decadenza di Minzolini: proteste del M5S
Pubblicato il 16/03/2017 • leggi all'articolo
Cyberbullismo: ddl approvato in Senato
Pubblicato il 01/02/2017 • leggi all'articolo
Rigopiano, Gentiloni: “Fatto ogni sforzo, i soldi ci sono”
Pubblicato il 25/01/2017 • leggi all'articolo
Taranto: riavviato l’altoforno 4 dell’Ilva
Pubblicato il 22/09/2016 • leggi all'articolo
Senato: via libera all’arresto di Caridi
Pubblicato il 05/08/2016 • leggi all'articolo
Senato: via libera al Ddl contro il caporalato
Pubblicato il 02/08/2016 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus