28/04/14 La condizione militare: decima parte

Cari amici con le stellette, negli articoli precedenti sono state fatte alcune riflessioni in merito alle norme contenute nei provvedimenti attuativi (nella fattispecie, il decreto legislativo n.8 del 2014 ) della revisione dello strumento militare, mettendo in evidenza la significativa riduzione imposta al personale militare di 40 mila posizioni organiche ed il conseguente bilanciamento in chiave riduttiva della programmazione dei reclutamenti. Sono stati sottolineati al riguardo diversi aspetti negativi che, inevitabilmente, si riverbereranno sul mondo militare ( scarsi  sbocchi occupazionali per graduati e volontari, progressivo invecchiamento del personale, riduzione delle percentuali di posti riservati ai volontari nei concorsi per la polizia municipale, applicazione anche ai non dirigenti dell’istituto dell’ARQ d’autorità, soppressione dell’esenzione dal servizio etc.), ai quali si deve aggiungere l’applicazione dell'odioso blocco stipendiale anche per l’anno in corso. Ma nel provvedimento ci sono anche alcuni aspetti positivi, frutto dell’ottimo lavoro preparatorio svolto dagli Stati Maggiori. Tra questi, l’attenzione riservata alle famiglie dei militari impegnati fuori area, con possibilità di accedere agli organismi di protezione sociale ed alle strutture sanitarie militari, i ricongiungimenti familiari, la possibilità per i volontari in sp di partecipare ai concorsi per Ufficiali dei ruoli speciali e per Marescialli. Tutte queste misure, naturalmente, dovranno essere attentamente monitorate ed, ove ritenuto opportuno, migliorate attraverso apposite norme correttive ed integrative. Nonostante comunque i molteplici aspetti negativi evidenziati, non bisogna essere pessimisti per il futuro nè tantomeno rassegnati. E’ necessario invece conservare la giusta motivazione e mantenere un cauto ottimismo, e questo per almeno quattro buone ragioni. La prima è legata alla nomina a Sottosegretario alla Difesa dell’On.Domenico ROSSI del Gruppo Popolari Per l’Italia.  L’On. ROSSI è stato Presidente del Cocer Esercito ed Interforze dal 2006 al 2012, ha raggiunto il grado di Generale di Corpo d'Armata ed ha rivestito l’incarico di Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito. Espertissimo nel settore dello stato giuridico e dell'avanzamento del personale militare, si è distinto particolarmente nel corso dei dibattiti sui decreti attuativi della legge delega per aver difeso fino in fondo le ragioni del personale militare, ivi compreso l’istituto dell’esenzione dal servizio, poi soppresso dalla Commissione Difesa. Finalmente, possiamo dire, l'uomo giusto al posto giusto. La seconda ragione è insita nella grandissima professionalità dimostrata da sempre dagli Stati Maggiori che intraprenderanno sicuramente le opportune azioni per rendere meno traumatica possibile la riforma in atto. La terza è legata alla concretezza del Cocer che certamente saprà suggerire proposte migliorative al decreto legislativo in parola, in occasione della stesura dei decreti integrativi e correttivi che saranno emanati entro uno o due anni. La quarta ragione siete voi cari lettori perché potete fornire un prezioso contributo di idee volto a rendere meno pesanti i disagi per il personale militare e civile della Difesa, rivolgendovi alla mia nuova pagina Facebook e Twitter, il Picconatore Dolce.

Articoli correlati

Forze armate e polizia: arrivano gli aumenti tra 125 e 136 euro
Pubblicato il 30/01/2018 • leggi all'articolo
Concorsi banditi dalle Forze Armate per l’anno 2016
Pubblicato il 22/03/2016 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte quinta
Pubblicato il 20/07/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte quarta
Pubblicato il 16/07/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte terza
Pubblicato il 16/07/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte seconda
Pubblicato il 14/07/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte prima
Pubblicato il 13/07/2015 • leggi all'articolo
Caso Marò: il Governo finalmente ipotizza di ricorrere all’arbitrato internazionale.
Pubblicato il 07/05/2015 • leggi all'articolo
Mondo militare: una curiosa sperequazione.
Pubblicato il 24/03/2015 • leggi all'articolo
Ufficiale e gentildonna
Pubblicato il 11/03/2015 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus