30/08/18 Gricignano: il preside Gennaro Caiazzo va in pensione e saluta i suoi alunni della Santagata: ''Grazie per questi 3 anni''

GRICIGNANO. Saluto e ringraziamenti del Dirigente Scolastico, prof. Gennaro Caiazzo. Come già siete a conoscenza, il prossimo 1° settembre lascerò la Dirigenza dell’Istituto comprensivo “Santagata”e il servizio dopo 3 bellissimi anni ma velocemente trascorsi insieme, per essere collocato in “pensione”, a conclusione di una più che quarantennale carriera scolastica, di cui ben 17 anni di Presidenza, e prima di esprimere il mio personale ringraziamento, sento il dovere di salutare tutti Voi, a nome personale e dell’intera comunità scolastica. A Voi tutti rivolgo un affettuoso e sincero saluto al termine di un intero percorso professionale, ritenendo di aver operato, fino all’ultimo, sempre ligio al dovere, con serietà e impegno nel lavoro quotidiano, con coerenza, attenzione e senso di responsabilità. La prima riflessione è agli alunni, che hanno rappresentato sempre il fine dei miei pensieri prima di Docente, e poi di Dirigente Scolastico, nella piena consapevolezza che la possibilità di cambiare concretamente la società e migliorarla, di eliminare forme di ingiustizia e di illegalità, richiede investire fortemente sulla formazione, l’educazione e l’istruzione delle nuove generazioni, sulla fiducia in loro, sulle capacità e competenze degli alunni, sostenendoli e aiutandoli, da un lato, a crescere, a sviluppare il pensiero critico, la loro personalità nelle sue diverse dimensioni, dall’altro, disciplinando e indirizzando nella giusta direzione la vivacità, il fervore e l’entusiasmo di ciascuno. Nell’ esprimere, quindi, agli alunni l’augurio di un futuro sereno e pieno di soddisfazioni, vi confermol’attenzione e l’affetto che lo scrivente Dirigente Scolastico ha sempre avuto per Voi. Un affettuoso e caro saluto a tutti i Docenti, con i quali ho condiviso momenti della mia attività professionale, il lavoro quotidiano, e che per me hanno rappresentato uno stimolo di arricchimento costante e di crescita culturale reciproca. Auguro a tutti una carriera professionale, particolarmente ricca di successi e tante soddisfazioni per il lavoro e l’impegno che avete mostrato. A tutti Voi esprimo la stima, l’affetto, la mia personale riconoscenza per quanto avete offerto e farete per l’Istituzione scolastica e per l’educazione/istruzione degli alunni, per l’apporto laborioso e diligente di collaborazione e di responsabilitàverso lo scrivente e l’organizzazione scolastica. Vi esorto ad essere sempre orgogliosi del vostro ruolo e funzioni, perché avete strumenti culturali e professionali straordinari per lo sviluppo, la maturazione e il cambiamento dell’uomo e del cittadino, per l’istruzione e la formazione dei giovani, per la democrazia, per le condizionicivili, culturali e produttive della società di oggi. Pertanto, con la certezza che continuerete a tenere forte l’impegno e il nome del nostro Istituto nel processo di formazione e di qualità del servizio, Vi auguroun sereno e fruttuoso lavoro, sempre foriero di tante soddisfazioni e di successi formativi per tutte le scolaresche affidate, tenendo sempre presente tale consapevolezza e di indicarla anche agli altri, con forza, rispetto e fermezza. Un grazie a Voi tutti, ma in maniera particolare allo Staff dirigenziale e a quanti hanno condiviso con lo scrivente la complessa gestione dell’Istituto, per il suo concreto miglioramento, non valutando affatto le ore di servizio nello svolgimento delle attività richieste. Voglio esprimere la mia riconoscenza e stima al personale ATA, gli Amministrativi e i collaboratori scolastici, il cui apporto al funzionamento della scuola risulta fondamentale, forse sottovalutato in alcune occasioni, ma della cui importanza si comprende quando per una qualsiasi ragione non sono presenti in servizio, o cosa peggiore, quando ne viene ridotto l’organico, come negli ultimi anni,per il prezioso lavoro svolto e per quanto 2 continueranno a fare nell’ambito delle funzioni assegnate nel complesso processo di formazione degli alunni. Rivolgo un sincero saluto al DSGA,in quanto ho avuto modo di rilevare e apprezzare la capacità di gestire il personale, ma anche per la collaborazione e, soprattutto, per la disponibilità. A tutto il personale Ata rivolgo un saluto affettuoso e un forte abbraccio e un augurio per un futuro sereno e fruttuoso, sia nello svolgimento delle attività scolastiche che nella vita sociale e familiare. Rivolgo il mio saluto ai rappresentanti dei genitori, ai componenti del Consiglio d’Istituto e al suo Presidente, con cui ho lavorato in piena sintonia, a tutti gli operatori scolastici, a quanti hanno dato il loro contributo, a tutte le componenti del territorio (Comune, Servizi sociali, Enti, Associazioni, Comitato dei genitori, Partner,Organi di stampa, etc.), che sono essenziali per la realizzazione del percorso formativo dei nostri ragazzi. Infine, ma non affatto per ultimi, il pensiero e il saluto va ai genitori e alle famiglie degli alunni, perché i genitori rappresentano una componente essenziale del processo educativo e, senza la loro presenza, viva partecipazione e laboriosa collaborazione nel processo formativo dei figli, l’Istituto non solo non potrebbe ottenere i risultati attesi e desiderati, ma neanche garantire un corretto funzionamento, anche per la titolarità che hanno sul piano dei principi costituzionali. Ai cari genitori, pertanto, rivolgo il mio saluto nel momento in cui lascio il servizio attivo per testimoniare la mia gratitudine, e, insieme al saluto, desidero rivolgere a tutti Voi un ringraziamento per il contributo di partecipazione che mi avete offerto in questi anni, con l’augurio non solo di continuare a svolgere il vostro ruolo di genitori con efficacia, equilibrio e serenità di rapporti, ma anche di poter avere la soddisfazione di risultati ottimali per i vostri figli sia nello studio che nella vita professionale. Vi esorto a proseguire e rafforzare la collaborazione nella pienezza del vostro ruolo genitoriale, con comprensione e affetto, ma con la necessaria fermezza, assumendo sempre la decisione che ritenete migliore per i vostri figli. In questi 17 anni di Presidenza che mi hanno visto quotidianamente e fortemente impegnato su tanti fronti, è opportuno e doveroso ringraziare la mia famiglia, mia moglie e miei figli, per la loro preziosa collaborazione, l’efficace supporto, la leale pazienza che hanno avuto, continuando a stare sempre al mio fianco, nonostante le difficoltà e il poco tempo che ho dedicato loro negli ultimi lustri. Un forte e sincero ringraziamento deve essere loro rivolto, perché ho potuto sempre operare in un percorso dirigenziale, che, nel contempo, è stato molto faticoso, ma davvero ammirevole, con tante responsabilità, intensi orari di lavoro, spesso con sopraffazioni e accanimenti burocratici, ma che continua ad avere il suo fascino e la sua bellezza nel realizzare percorsi e attività formative per i nostri bambini e ragazzi. Di certo, è stata una grande soddisfazione e sincero motivo di orgoglio personale, poter concludere la più che quarantennale carriera professionale nella propria cittadina, contribuendo alla crescita e maturazione di tante generazioni; e, soprattutto, poter rivivere in alcuni spazi e ambienti scolastici, le prime e basilari esperienze scolastiche di alunno, per ben 8 anni, sia alla scuola Elementare che scuola Media, dove sono state poste le belle promesse per la sua formazione di uomo e cittadino, rammentando altresì in moltissime occasioni alcuni bei momenti ed eventi stupendi dell’età infantile e adolescenziale. Mal’Istituto, soprattutto la sede della scuola Media “G. Pascoli”, ha visto lo scrivente anche “sperimentare” le prime esperienze, e da giovanissimo, di insegnante a partire dal lontano 1975, di docente neo-immesso in ruolo, poi di collaboratore del Preside e di Vicario, di segretario del Collegio e del Consiglio di Istituto per lunghissimi anni, anche di Preside per ben tre anni, insomma un’Istituzione scolastica che ha visto lo scrivente, senza ombra di dubbio, da “protagonista”. È doveroso, comunque, mettere in risalto che per lo svolgimento delle funzioni dirigenziali spesso sono stati sacrificati anche i legami familiari e di amicizia, gli interessi personali, di natura sociale, culturale e politica, che per tanti lustri avevo coltivato con dedizione e passione, tanto impegno e abnegazione. A Tutti Voi, nel momento in cui ho concluso la mia carriera scolastica, pertanto, mi rivolgo per confermarVi il pieno sostegno e la mia solidarietà, nella consapevolezza di un ruolo e funzioni dirigenziali che oggi più che mai sono diventati sempre più complessi e difficili, soprattutto, in questo particolare momento storico in cui appare molto evidente la crisi dei principi e dei valori su cui le generazioni passate hanno fondato la loro formazione, le loro scelte, le loro convinzioni. Pertanto, continuate il vostro importante cammino con l’impegno, la professionalità e la determinazione di sempre. Auguro a tutti Voi un percorso professionale ricco di successi e di tante soddisfazioni.Questo è l’augurio che Vi porgo con sincerità e affetto. Un grazie sincero e autentico, un caro saluto ed un abbraccio affettuoso, con profonda stima, dal vostro Dirigente Scolastico Gennaro Caiazzo

comments powered by Disqus