19/04/17 Da Casalnuovo a Perth... a passo di danza. Intervista ad Alessio Scognamiglio

NAPOLI – Poco più di 20 anni e una carriera già ricca di soddisfazioni. Il danzatore Alessio Scognamiglio, cresciuto in una zona periferica di Casalnuovo, a soli 14 anni si trasferisce a Monte Carlo e muove i primi passi verso il professionismo presso l'Accademia Internazionale di Danza Classica Princesse Grace di Monaco. Da 3 anni il talentuoso partenopeo vive a Perth e fa parte della compagnia West Australian Ballet, nel rango dei mezzi-solisti. Alessio si è raccontato ai microfoni di VoceNuova.tv.

 Ciao, Alessio. Iniziamo dal principio: in che momento e come ti sei reso conto di essere portato per la danza?

 «Avevo soltanto 4 anni quando ballavo nel soggiorno di casa di mia nonna. Vista la mia spiccata passione, mia madre mi portò con sé nella scuola presso la quale lei ballava il latino americano. La danza classica, poi, l'ho iniziata a 9 anni da Rosalba Cesare: mi era stato detto che per poter diventare davvero bravo nei balli caraibici, avrei dovuto iniziare da una base classica».

 

Come hai vissuto questi primi anni da ballerino? In che momento ti sei reso conto di dover continuare lontano da Casalnuovo?

 «Ero spensierato, come giusto che sia un ragazzino. Non mi rendevo conto per niente che un giorno la danza sarebbe diventata la mia carriera. L'idea di andare via e di iscrivermi ad una delle scuole internazionali europee mi venne data dalla mia stessa insegnante, Rosalba Cesare, e da Mauro de Candia. Grazie a quest'ultimo iniziai anche a ballare professionalmente con la compagnia da lui fondata "Giovane Balletto Mediterraneo"».

Ed è così che hai spiccato il volo. Prima all'Accademia di Monaco, poi, poco più che maggiorenne, hai iniziato la tua avventura in Australia. Quali sono gli insegnamenti a livello personale che hai tratto da queste esperienze lontano da casa?

 «La prima cosa, ovviamente, è che ho imparato ad essere indipendente. Poi anche più forte caratterialmente. Ho imparato le regole della convivenza e della civiltà. Ho imparato, poi, a rapportarmi con altre culture senza essere prevenuto e a gustare altri tipi di cucine senza dire "Non mi piace" prima di assaggiarle».

 

Una maggiore consapevolezza di te stesso e dei tuoi punti di forza che di sicuro ti avranno aiutato anche nella carriera. Cos'è che più ti piace del tuo lavoro?

 «Riuscire ad esprimermi in un modo diverso dalle parole: ecco cosa mi piace di più».

 

A cosa stai lavorando invece attualmente? E quali sono i tuoi progetti per il futuro?

 «Ho fatto da coreografo per un programma che si chiama "Genesis". Ora stiamo lavorando per il Don Quichotte che aprirà l'11 maggio qui a Perth. Il primo progetto per il futuro è quello di tornare più vicino alla mia famiglia, però non in Italia. Qui in Australia sto benissimo, ma è troppo lontano e per tornare a casa mi ci vuole un'intera giornata. Poi, un'altra cosa, è che vorrei inserirmi un po' più nel mondo della danza contemporanea, perché per me è sempre stata più liberatoria. Detto ciò, spero di restare qualche altro anno qui a Perth, visto che mi affidano sempre buonissimi ruoli: penso che questo sia molto importante per la mia carriera»

 

VoceNuova.Tv ringrazia Alessio Scognamiglio per la gentilezza e la cortesia dimostrateci nel corso dell'intervista.

 

Articoli correlati

Insigne, attaccante col vizio della...difesa!
Pubblicato il 12/10/2017 • leggi all'articolo
Napoli: 16enne violentata a Marechiaro, arrestati tre minori
Pubblicato il 05/10/2017 • leggi all'articolo
Le tre prove del fuoco
Pubblicato il 04/10/2017 • leggi all'articolo
''Alici Come Prima'', tra risate e giornalismo. Intervista ad Andrea Rossi
Pubblicato il 02/10/2017 • leggi all'articolo
Ammore e Malavita: un musical alla napoletana
Pubblicato il 27/09/2017 • leggi all'articolo
Aiello: ''Cara Lorenzin, lei ha ucciso mio padre due volte''
Pubblicato il 25/09/2017 • leggi all'articolo
Allenatore Feyenoord: ''Napoli in vetta non per caso''
Pubblicato il 22/09/2017 • leggi all'articolo
Napoli: mistero in sala operatoria, si sveglia dall’anestesia e parla inglese
Pubblicato il 22/09/2017 • leggi all'articolo
Napoli: medico trova il cadavere di un clochard nella sua auto
Pubblicato il 22/09/2017 • leggi all'articolo
Napoli: chat erotica con donna sposata, marito e figlio lo accoltellano
Pubblicato il 21/09/2017 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus