13/01/20 Perché utilizzare CRM nel Project Management?

ROMA. Chiunque abbia avuto preso parte a un progetto andato male, nel quale le criticità hanno preso il sopravvento, potrà apprezzare quanto una gestione efficace ed efficiente delle risorse coinvolte riesca davvero a fare la differenza e a garantire da un lato la soddisfazione del cliente, dall'altro anche quella del team.

Per riuscire a raggiungere quest'obiettivo è importante adottare tutti quegli strumenti che possono facilitare il compito del project manager. Il CRM è senza dubbio uno di questi, poiché offre informazioni vitali e consente di ottimizzare i processi.

Vediamo nel dettaglio come il CRM può aiutare nella gestione di un progetto.

CRM: cos'è e a cosa serve

Il CRM, acronimo di Customer Relationship Management, è un insieme di strumenti e metodologie che mettono il cliente al centro dei processi aziendali.

Spesso tradotto concretamente in uno o più software raffinati, il CRM consente di migliorare la gestione del cliente, offrendo informazioni mirate e preziose per curare la relazione con quest'ultimo e, in definitiva, migliorare la customer retention.

 

Al giorno d'oggi il CRM è più importante che mai per le aziende, perché più di ogni strumento, supporta nell'acquisire nuovi clienti e nel conservare quelli esistenti. In sostanza, un buon CRM è indispensabile per chi vuole prosperare nelle proprie attività commerciali.

I software dedicati al CRM, che hanno superato i sistemi di gestione dei database come volume di mercato, sono diventati degli strumenti sempre più precisi e versatili al tempo stesso: si tratta di armi importanti da usare sia nel marketing sia nella gestione dei progetti.

Cosa si intende per Project Management

 

Project management è un termine divenuto sempre più comune in ambito aziendale: la sua diffusione è tale che questa espressione può essere considerata a tutti gli effetti ormai di uso comune.

Ciò riflette una richiesta di mercato sempre crescente di project manager, uno dei ruoli che oggi le aziende ricercano più di frequente. Nonostante alcuni concetti di project management possano ritrovarsi già in svariate pratiche di business risalenti a oltre cent'anni fa, è solo a partire dagli anni Settanta in poi che il project management è di fatto divenuto una vera e propria disciplina.

 

Si tratta di un approccio aziendale che deve essere implementato da chiunque voglia sviluppare la propria attività in maniera seria, per ottenere risultati in maniera efficace e soprattutto efficiente. Un project manager competente assicura la riuscita di quanto di sua competenza, rappresentando un notevole valore aggiunto per l'organico aziendale.

Al contrario di professionalità che operano in maniera specialistica, come quelle a capo di singole business unit, i project manager svolgono un compito più trasversale e complesso, supervisionando ogni aspetto di un progetto dall'inizio alla conclusione.

Il loro ruolo è quello di fare in modo che tutti gli obiettivi prefissati vengano raggiunti entro le tempistiche stabilite, impiegando le risorse umane e finanziarie al meglio. Ne deriva perciò che il project management implica la necessità di bilanciare molte variabili in maniera davvero sapiente, non perdendo mai di vista la visione generale e lo scopo finale di un progetto.

A un project manager si richiedono capacità empatiche e forti doti di organizzazione per riuscire a lavorare in maniera efficiente e guidare il team e tutti gli attori coinvolti.

Concretamente, il project management può tradursi in una metodologia di lavoro che deve essere applicata in maniera rigorosa ma flessibile durante tutto il ciclo di vita di un progetto: dall'avvio alla pianificazione, continuando poi nelle le fasi di esecuzione e monitoraggio e terminando con la chiusura.

Tutti i vantaggi della gestione efficace di un progetto

Oltre a massimizzare la soddisfazione del cliente, del team e di tutti gli stakeholder coinvolti, gestire al meglio un progetto significa ridurre tutti quei costi che non risultano necessari e minimizzare il rischio di errore.

Ottimizzando il tempo a disposizione, una gestione ottimale del progetto consente di anticipare le tempistiche e avere perciò più tempo a disposizione per gestire gli eventuali imprevisti che ogni progetto comporta.

La capacità di gestire un progetto, inoltre, rappresenta un importante punto di forza da valorizzare. L'azienda che può contare su uno o più project manager che si sono distinti per aver portato a termine lavori complessi in modo irreprensibile costituirà un importante biglietto da visita, fondamentale per attirare nuovi clienti, che saranno già stati probabilmente raggiunti dal passaparola del settore.

Inoltre, la gestione di un progetto comporta un processo di apprendimento che pian piano costituisce un bagaglio di know-how davvero cruciale per l'azienda. Infatti, le metodologie di project management applicate correttamente consentono di acquisire maggior capacità predittiva rispetto ai rischi, che possono in tal senso essere affrontati prima che si trasformino in criticità.

Riducendo il margine d'errore e migliorando la produttività, un progetto gestito a regola d'arte diventa un'arma di business tra le più potenti.

 

comments powered by Disqus