15/04/14 La condizione militare: settima parte

Amici militari, prima di focalizzare l’attenzione sul cosiddetto blocco stipendiale, che sta creando un inevitabile malcontento tra il personale militare, vorrei mettere in luce alcuni aspetti positivi contenuti nel provvedimento attuativo della legge delega n°244/2012.

Innanzitutto, mi preme sottolineare la circostanza che gli Stati Maggiori hanno studiato, definito e portato avanti con coraggio e con la massima professionalità una riduzione delle proprie dotazioni organiche che non trova riscontro in nessun altra amministrazione. Non è stato certamente facile infatti realizzare un provvedimento tanto articolato e complesso, perché si è trattato di tagliare ben 40 mila posizioni organiche del personale militare e 10 mila del personale civile, individuando istituti idonei a gestire gli esuberi, armonizzando le norme del codice dell’ordinamento militare ed adottando correlati interventi normativi per non incidere troppo negativamente sull’armonico sviluppo delle carriere. Onore al merito dunque alla Difesa che ha saputo far fronte in maniera eccellente a queste esigenze. Ciò premesso, passiamo ad esaminare gli aspetti positivi del testo, tenendo tuttavia presente che quelli negativi, di cui abbiamo già parlato e parleremo ancora, sono sicuramente la maggioranza. Il primo aspetto positivo riguarda la possibilità da parte del personale non dirigente (Tenenti Colonnelli e Marescialli soprattutto) di utilizzare l’istituto dell’ARQ a domanda, fermo restando il possesso dei requisiti per l’accesso a pensione. Un altro aspetto positivo è la possibilità per i Volontari meritevoli di contrarre un ulteriore periodo di rafferma oltre a quella già prevista. Ed ancora, il riconoscimento da parte del mondo del lavoro dei corsi di formazione e di perfezionamento seguiti dai graduati e Volontari, delle patenti militari e del servizio svolto quale requisito per ottenere la qualifica di guardia giurata. Un ulteriore aspetto positivo, per il benessere del personale, è l’attenzione riservata alle famiglie attraverso i ricongiungimenti familiari e la maggiore tutela per l’assistenza di chi beneficia della legge 104/92. Per le famiglie dei militari  impiegati fuori area, è stata prevista la possibilità di accedere alle strutture sanitarie militari nonché di utilizzare, in casi particolari, servizi e mezzi militari. Un aspetto positivo per il personale civile è la possibilità di trasformare il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.

La Difesa ha quindi cercato di rendere minimi i disagi per il personale militare e civile che, si ribadisce, è la risorsa più preziosa di cui dispongono le forze armate e la cui coesione e motivazione sono gli elementi fondamentali per la loro credibilità nel nostro Paese. 

Nel prossimo articolo parleremo del blocco stipendiale e dei suoi effetti sulle pensioni.

 

Il Picconatore Dolce

 

Articoli correlati

Forze armate e polizia: arrivano gli aumenti tra 125 e 136 euro
Pubblicato il 30/01/2018 • leggi all'articolo
Concorsi banditi dalle Forze Armate per l’anno 2016
Pubblicato il 22/03/2016 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte quinta
Pubblicato il 20/07/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte quarta
Pubblicato il 16/07/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte terza
Pubblicato il 16/07/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte seconda
Pubblicato il 14/07/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte prima
Pubblicato il 13/07/2015 • leggi all'articolo
Caso Marò: il Governo finalmente ipotizza di ricorrere all’arbitrato internazionale.
Pubblicato il 07/05/2015 • leggi all'articolo
Mondo militare: una curiosa sperequazione.
Pubblicato il 24/03/2015 • leggi all'articolo
Ufficiale e gentildonna
Pubblicato il 11/03/2015 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus