24/06/16 Esino Lario: parte il raduno di Wikimania

ESINO LARIO. Esino Lario, paesino di 761 abitanti della provincia di Lecco è pronto ad ospitare l’edizione 2016 ei Wikimania, la reunion annuale dei wikipediani. Washington, Francoforte, Buenos Aires, Città del Messico, e quest’anno Esino Lario. Una notizia che ha entusiasmato anche il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che durante la presentazione dell'appuntamento ha commentato: "Vorrei che il paese diventi il centro di eccellenza in Regione sul tema del nuovo sapere e noi siamo disponibili a investire in questa direzione, a creare questo centro, a svilupparlo, perché diventi una sorta di Davos, un punto di riferimento".

"Perché non fare Wikimania a Esino?" è stato il tarlo che si è insediato nella testa della volontaria della conoscenza dal 15 agosto 2013, all'indomani della conferenza a Hong Kong: "Ne ho discusso con la comunità di amici di Wikipedia e poi l'ho proposto a Esino. L'anno scorso, dopo l'elezione del nuovo sindaco, ho contattato il nuovo primo cittadino, Pietro Pensa (nessuna parentela tra i due), che mi ha aiutato con le infrastrutture: è persino riuscito a ottenere la banda larga in 10 giorni, un tempo record", racconta la ricercatrice.L'organizzazione per presentare Esino Lario come possibile location del raduno, sfidando la capitale delle Filippine Manila, è stata minuziosa: "Abbiamo elaborato uno studio di fattibilità e un progetto esecutivo molto dettagliato - continua la Pensa - perché sapevamo che, proprio perché non eravamo una metropoli, dovevamo far comprendere al mondo di Wikipedia che la nostra non era una boutade. Ci hanno lavorato circa 80 persone, dagli adolescenti fino agli anziani, basti pensare che il nostro responsabile legale ha 75 anni". A Esino Lario, spiega, "è difficile trovare una persona che non sia coinvolta nel progetto: grazie a Dario Crespi, coordinatore dei progetti Wikimedia che si occupa della formazione, abbiamo formato 1500 studenti, a partire dai bambini della terza elementare". Da lì, il sostegno anche da parte di Wikipedia di Italia e Svizzera e quello economico della Fondazione Cariplo. "All'inizio le persone non mi credevano, quando andavo a chiedere i preventivi per le tensostrutture, mi ridevano in faccia", ricorda.

Articoli correlati

Esino Lario: cala il sipario su Wikimania 2016
Pubblicato il 28/06/2016 • leggi all'articolo
Wikipedia cancella Salvatore Aranzulla: scoppia la polemica
Pubblicato il 13/06/2016 • leggi all'articolo
Wikipedia: l'enciclopedia online compie 15 anni
Pubblicato il 18/01/2016 • leggi all'articolo
Wikipedia lancia ORES: l'intelligenza Artificiale che migliora i contenuti
Pubblicato il 07/12/2015 • leggi all'articolo
Scandalo Wikipedia in Gran Bretagna: bloccata rete di ricattatori
Pubblicato il 04/09/2015 • leggi all'articolo
Campania (in)felix: prepariamoci ad una nuova Shoah
Pubblicato il 12/09/2013 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus