23/08/13 Goffredo Fofi accusa: 'Nel cinema moderno non è rimasto niente dei grandi del passato'

RAVELLO. "Fellini, Antonioni, Monicelli. Nel cinema italiano di oggi non è rimasto niente di questi grandi maestri". Non ha dubbi Goffredo Fofi, critico cinematografico e memoria storica della settima arte dalla seconda metà del '900 a oggi.

"Non direi che ci sono colpe specifiche, quanto piuttosto un disastro organizzativo, politico, umano. I tempi sono cambiati e il cinema non ha più il ruolo centrale che aveva negli anni '70. Se siamo ridotti così è colpa della televisione, che ha impoverito il cinema, costringendolo ad adeguarsi ai suoi bassi standard".

Fofi, che giovedì 22 agosto alle 18 sarà all'Hotel Caruso per un incontro di parola tutto dedicato al ricordo di Federico Fellini a vent'anni dalla sua morte e organizzato in collaborazione con Il Circolo dei lettori di Torino, ha avuto un rapporto intenso e particolare con lui: "Fellini non era un semplice regista, ma un antropologo. Film come Amarcord e Roma sono ritratti sociologici dell'Italietta provinciale del tempo, una realtà ormai dimenticata".

Dopo il Fellini regista, Fofi parla anche del Fellini uomo: "Lo conobbi durante le riprese di Roma. Anche se lo attaccavo ferocemente gli stavo simpatico, visto che trovava le mie critiche molto stimolanti. Negli ultimi anni della sua vita era diventato un uomo molto amaro, tormentato da un mercato e da un pubblico che non volevano più i suoi film".

"Quando morì – ricorda il critico – tutta l'Italia, persino il presidente della Repubblica, pianse la sua scomparsa, salutandolo come un Michelangelo o un Raffaello. Un atteggiamento ipocrita, visto che fino al giorno prima nessuno si ricordava di lui".

Oltre che contro il cinema nostrano, Fofi si scaglia anche contro la critica: "In Italia la critica vera non esiste più. Tanti anni fa era anche piacevole litigare coi registi e con i lettori: si formava un triangolo magico dal quale si potevano tirare fuori cose positive. Oggi ci si divide tra accademici che fanno 'autopsie' di cose già vecchie e giornalisti/informatori/pubblicitari che si limitano a fare una cronaca. Una volta i giornali erano un luogo di dibattito – conclude -, ora sono tutti servi di qualche padrone. L'unico rimasto è Mereghetti".

Articoli correlati

Salerno: donna si cala nuda dal balcone per sfuggire al compagno violento
Pubblicato il 30/08/2018 • leggi all'articolo
Salerno: pacco bomba a casa del collaboratore del sindaco, ferito gravemente
Pubblicato il 18/06/2018 • leggi all'articolo
David di Donatello - Trionfa il cinema napoletano con 'Ammore e Malavita'. Ecco tutti i vincitori
Pubblicato il 22/03/2018 • leggi all'articolo
Salerno – rifiuti e corruzione: Roberto De Luca indagato per lo smaltimento di ecoballe
Pubblicato il 16/02/2018 • leggi all'articolo
Leonardo DiCaprio nel nuovo film di Tarantino: ecco di cosa tratta
Pubblicato il 13/01/2018 • leggi all'articolo
Migranti a Salerno: a bordo 26 donne morte
Pubblicato il 05/11/2017 • leggi all'articolo
Torna il cinema nelle scuole con «Movie days» a cura di Giffoni Experience
Pubblicato il 20/10/2017 • leggi all'articolo
Cinema e cibo si incontrano nel festival «Moviemmece»
Pubblicato il 10/10/2017 • leggi all'articolo
Salerno: blitz contro i parcheggiatori abusivi, 35 arresti per estorsione
Pubblicato il 06/07/2017 • leggi all'articolo
Salerno: sbarcano 991 migranti, sulla nave il cadavere di un bambino di tre anni
Pubblicato il 09/05/2017 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus