24/01/14 Francesco Schiavone ''Sandokan'' rompe il silenzio della sua detenzione e chiede di parlare con il Pm

CASERTA. Erano anni ormai che l'ex capo del clan dei casalesi, Francesco Schiavone (detto Sandokan), si era chiuso nel silenzio della sua detenzione in regime di massima sicurezza dal 1998.

Oggi Schiavone interrompe il suo silenzio e chiede di parlare con il Pm perchè "stufo di essere tirato in ballo da tutti per fatti che non ho commesso, io voglio spiegare la mia estraneità ai fatti".

A seguito della richiesta, il Pm Maurizio Giordano ha chiesto ed ottenuto dal giudice del dibattimento, Gianpaolo Guglielmo, la trasmissione del verbale di udienza alla Procura di Napoli.

Articoli correlati

A 24 anni dalla morte di Don Peppe Diana e dall'ascesa dei nuovi casalesi
Pubblicato il 19/03/2018 • leggi all'articolo
Clan dei Casalesi: Ernesto Badellino si spaccia per poliziotto, denunciato
Pubblicato il 05/08/2015 • leggi all'articolo
Camorra: sequestrato il tesoro di Francesco Grassia, l'imprenditore del Clan dei Casalesi
Pubblicato il 28/07/2015 • leggi all'articolo
Camorra: scoperto arsenale nascosto nelle case di due affiliati al clan dei Casalesi
Pubblicato il 28/01/2015 • leggi all'articolo
Camorra, sequestri per 8 milini di euro all'imprenditore Giovanni Malinconico, uomo di fiducia del clan dei Casalesi
Pubblicato il 18/11/2014 • leggi all'articolo
Camorra, estorsioni a imprenditori e commercianti di Carinaro e Teverola: quattro arresti
Pubblicato il 04/11/2014 • leggi all'articolo
Iovine shock: ''Sandokan decise di far ammazzare Zagaria''
Pubblicato il 23/06/2014 • leggi all'articolo
Scacco alla camorra: confiscati beni per 110 milioni di euro agli Schiavone
Pubblicato il 19/06/2014 • leggi all'articolo
Camorra, Iovine attacca: ''250mila euro dati all'avvocato Santonastaso per corrompere un giudice''
Pubblicato il 18/06/2014 • leggi all'articolo
Camorra, Iovine attacca: ''il clan dei casalesi non esiste più, collaborino anche altri''
Pubblicato il 13/06/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus