12/10/17 Omicidio Sarah Scazzi, la Cassazione: ‘’No a sconti di pena, Sabrina fredda pianificatrice’’

ROMA. Per la prima sezione penale della Cassazione, Sabrina Misseri, condannata all'ergastolo con la madre Cosima Serrano per l'omicidio della cugina Sarah Scazzi, non merita sconti di pena.

È quello che emerge dalle motivazioni della Suprema Corte, contenute in quasi 200 pagine di sentenza, con le quali spiega perché, il 21 febbraio scorso, decise di confermare l'ergastolo per la cugina e la zia della quindicenne Sarah, scomparsa da Avetrana il 26 agosto del 2010 e ritrovata morta circa un mese dopo. 

"Il delitto doveva ascriversi a due persone - scrive la Cassazione- da identificare nelle imputate" e "l'omicidio era stato consumato mediante strangolamento", attraverso una "struttura nastriforme", quale una "cintura". Sul corpo della vittima, non sono stati rinvenuti "segni di lotta o legati al tentativo di allentamento della cintura stretta al collo, come reazione istintiva al soffocamento che si stava compiendo", scrivono i supremi giudici, ricordando gli esiti di autopsia e perizie, e la "vittima non aveva opposto alcuna resistenza".

comments powered by Disqus