04/07/15 Allerta meteo: temperature oltre i 40 gradi

ROMA - Caldo ed estate sono sinonimi e vanno a braccetto, ma l'ondata che in questi giorni sta colpendo l'Italia, soprattutto al nord, a causa di aria calda sub-tropicale porta le temperature sopra la media stagionale di ben 7/8 gradi centigradi con disagi non solo dovuti alla canicola ma anche a problemi di salute legati all'ozono.

Durante il fine settimana e per tutta la settimana prossima il caldo raggiungerà valori ben al di sopra della media in particolare al nord e al centro-nord con una temperatura percepita che sfiora i 38 gradi, a causa della forte umidità, nella città di Torino dove domenica la temperatura aumenterà ancora. Nella provincia di Alessandria si arriverà ai 40°C con una temperatura percepita che tocca i 44 gradi. A partire dall'inizio della settimana prossima anche al sud aumenteranno le temperature e le città che il Ministero della Salute ha definito da bollino rosso aumenteranno.

Sabato e domenica saranno Napoli e Roma le città più calde al sud con temperature rispettivamente di 36 e 37°C, mentre tra inizio e metà della settimana prossima le temperature si alzeranno su tutta l'Italia per l'anticiclone africano Flegetonte che farà salire a 39°C la temperatura massima nella città di Bolzano per la giornata di lunedì. A questi valori poi vanno aggiunti 4-5°C dovuti all'umidità che ci fa percepire una temperatura ancora più elevata.

Oltre ai problemi di salute legati al caldo, l'aumento della temperatura comporta un altro fenomeno che risulta problematico ed è l'inquinamento da ozono. L'ozono aumenta proprio nei periodi più caldi ed è tipico del periodo estivo, è uno dei componenti gassosi dell’atmosfera: il 90% si trova in stratosfera, ossia nello strato compreso tra 11 e 50 km, mentre il restante 10% è contenuto nella troposfera, lo strato immediatamente inferiore sovrastante la superficie terrestre.

L’ozono troposferico è dannoso per l’uomo e la vegetazione e per questo è considerato un inquinante. L’ozono è prodotto dalla reazione dell'ossigeno con il biossido di azoto (NO2) ed il contributo dei composti organici volatili (COV), in presenza di forte irraggiamento solare e temperature elevate. Poiché i composti organici sono rilasciati dalla vegetazione, cercare refrigerio nei parchi non è una buona idea soprattutto nelle ore più calde del pomeriggio.

L’ozono è in grado di attaccare l’apparato respiratorio provocando irritazioni agli occhi e alla gola, tosse e riduzioni della funzionalità del polmone fino a provocare, nei casi più gravi, edemi polmonari.

Per ritrovare temperature nella media stagionale bisognerà attendere il fine settimana prossimo per cui attenzione a non uscire nelle ore più calde e a frequentare parchi pubblici fino a quando la situazione non tornerà entro limiti accettabili soprattutto per i soggetti più a rischio come bambini ed anziani.

Articoli correlati

Meteo: colpo di coda dell’inverno, in arrivo pioggia e freddo
Pubblicato il 25/03/2019 • leggi all'articolo
Previsioni meteo: addio freddo, nel week end torna il caldo
Pubblicato il 27/09/2018 • leggi all'articolo
Meteo, caldo record in Italia: bollino rosso in 18 città
Pubblicato il 02/08/2018 • leggi all'articolo
Maltempo: emergenza in mezza Italia, sei morti a Livorno
Pubblicato il 11/09/2017 • leggi all'articolo
Meteo: in arrivo Polifemo, l’anticiclone porterà caldo record fino a fine agosto
Pubblicato il 21/08/2017 • leggi all'articolo
Meteo: caldo record fino alla prossima settimane, massime vicine ai 40 gradi
Pubblicato il 03/08/2017 • leggi all'articolo
Bufera di vento in arrivo: previste raffiche fino a 110 chilometri orari
Pubblicato il 05/01/2017 • leggi all'articolo
Previsioni meteo: la Befana porterà gelo e neve al Sud
Pubblicato il 03/01/2017 • leggi all'articolo
Meteo: pioggia e neve in arrivo sull’Italia
Pubblicato il 20/12/2016 • leggi all'articolo
Meteo: freddo polare in arrivo in Italia
Pubblicato il 29/11/2016 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus