10/10/18 Libia: sequestrati due pescherecci di Mazara del Vallo

ROMA. Due pescherecci italiani della marineria di Mazara del Vallo sono stati sequestrati da alcune motovedette libiche. Ad annunciarlo il sindaco della città del Trapanese, Nicola Cristaldi. "Afrodite Pesca" (140 tonnellate di stazza lorda, al comando del capitano Vincenzo Pellegrino) è di proprietà dell'omonima società dei fratelli Pellegrino; il "Matteo Mazzarino" è della Mcv Pesca dell'armatore Vincenzo Asaro, il comandante è Alberto Figuccia. Il sequestro sarebbe avvenuto a circa 29 miglia dalla costa libica di Derna. La vedetta avrebbe cominciato a sparare senza alcun preavviso, spiega Cristaldi, provocando danni alla cabina e alle attrezzature del motopesca Afrodite. Non ci sono feriti e gli equipaggi non risultano agli arresti. I militari libici, saliti a bordo dei due natanti, hanno intimato ai comandanti di intraprendere la navigazione verso la costa libica. I due pescherecci sono giunti in nottata al porto Ras Al Hilal.

Articoli correlati

Libia: bombardata nave turca, morto un ufficiale
Pubblicato il 12/05/2015 • leggi all'articolo
Strage migranti, Obama: ''L'instabilità in Libia genera caos''
Pubblicato il 22/04/2015 • leggi all'articolo
Immigrazione, smantellata rete di trafficanti: un milione pronti a partire dalla Libia
Pubblicato il 20/04/2015 • leggi all'articolo
Libia : ormai è vera emergenza.
Pubblicato il 05/03/2015 • leggi all'articolo
Guerra in libia, riprendono i negoziati delle Nazioni Unite
Pubblicato il 03/03/2015 • leggi all'articolo
L’utopia di una pace mondiale: parte prima
Pubblicato il 18/02/2015 • leggi all'articolo
Isis, chiusa l'ambasciata italiana in Libia, Gentiloni: ''Serve impegno straordinario''
Pubblicato il 16/02/2015 • leggi all'articolo
ISIS: il nemico alle porte
Pubblicato il 16/02/2015 • leggi all'articolo
il delicato tema dell'immigrazione: parte seconda
Pubblicato il 19/01/2015 • leggi all'articolo
Mare Nostrum finisce: oltre 100mila vite salvate
Pubblicato il 05/11/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus