22/01/14 Intel abbandona la piattaforma Tv vendendola a Verizon

ROMA. Continua il progetto di rinnovamento di Intel. L'azienda ha infatti annunciato di aver trovato un accordo col carrier Verizon, che acquisirà tutti gli assett di Intel Media, la branca appositamente istituita per occuparsi dello sviluppo della piattaforma TV.

Tutti i 350 dipendenti della divisione Intel Media saranno riassorbiti in Verizon: si stima che l’operazione possa avere un costo di circa 500 milioni di Dollari (ma la cifra è assolutamente ufficiosa). OnCue, questo il nome attribuito al progetto di Intel, proseguirà quindi lo sviluppo sotto una veste completamente nuova, con l’intenzione di diffondere i contenuti tramite rete 4G LTE e tramite la rete in fibra otticaFiOS.

Le motivazioni che hanno portato all’accordo sono sostanzialmente coincidenti per entrambi i soggetti: Intel si è resa conto che lanciare servizi TV implica l’avere accesso a reti e ad un vasto numero di potenziali abbonati. Ovviamente il colosso dei semiconduttori non dispone né di reti, né di un pubblico di abbonati, e dovendo partire da zero ha preferito cercare acquirenti, trovando la controparte ideale proprio in Verizon, che invece dispone di entrambe le risorse, oltre che di accordi già in essere per la distribuzione di contenuti sulle proprie reti, sia wireless che fisse. Intel si concentrerà ora sulle aree di interesse più “tradizionali”, oltre che sui datacenter e su “internet delle cose”.

Articoli correlati

Intel punta sull’intelligenza artificiale: 400milioni di dollari per Nervana Systems
Pubblicato il 11/08/2016 • leggi all'articolo
Guida autonoma: Bmw si allea con intel e Mobileye
Pubblicato il 01/07/2016 • leggi all'articolo
Intel acquista l'italiana YogiTech, startup dell'IoT
Pubblicato il 06/04/2016 • leggi all'articolo
Addio a Andrew Grove, fondatore di Intel
Pubblicato il 23/03/2016 • leggi all'articolo
Luxottica e Intel insieme per i primi occhiali per il fitness
Pubblicato il 08/01/2016 • leggi all'articolo
Usa: la FCC apre ad internet a due velocità
Pubblicato il 24/04/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus