18/05/18 Volla Bene Comune: 1 Giugno!

A' Rezza, In primo luogo, si pone l’obiettivo di stimolare una coscienza collettiva capace di arrestare la mercificazione e la cementificazione selvaggia che subiscono i territori della zona est di Napoli. 

Ma chi è A' Rezza?

‘A Rezza è un’ associazione apartitica, antifascista, antirazzista, senza scopo di lucro e trasversale; un gruppo aperto e dinamico che, ogni settimana, si serve dello strumento delle assemblee pubbliche per ingrandire forme di partecipazione diretta e di inclusione sociale. Il nome deriva dal napoletano, A' Rezza" vuol dire "La rete", Fare rete, mettere insieme pesone e comunicare. Creare una rete per cambiare la città, insieme.

Volla Bene Comune nasce come un impegno concreto per combattere la trasformazione di pezzi di città in “non luoghi”, in cui gli individui si incrociano solo per motivi di estetica e svago senza mai entrare realmente in relazione con l’altro per sperimentare, per creare insieme, per costruire un senso comune che vada oltre quello mediato dal consumismo.

Un secondo obiettivo è porre al centro il bisogno di riqualificare beni e spazi comuni abbandonati, inutilizzati o poco utilizzati da riconvertire a favore della comunità e delle sue istanze. Questa rigenerazione urbana si genera attraverso un processo di confronto e collaborazione costante tra istituzioni, cittadini e associazioni. Quella che propongono è una forma di “autogoverno”, in linea con il vero spirito dei precetti costituzionali di decentramento amministrativo (art.5 Cost.) e di sussidiarietà orizzontale (art. 118), da cui emerge la necessità di definire un modello autonomo e partecipato; contraddistinto dal superamento della logica di bando pubblico, la quale rischia di favorire la costruzione di un privilegio proprietario a vantaggio di chi riesce a conquistare, sebbene regolarmente e alla luce del sole, un titolo di uso esclusivo favorendo meccanismi di esclusione verso chi non è concessionario del bene. L’idea è, invece, quella “di immaginare una forma di gestione per cui un bene pubblico fosse amministrato direttamente dai cittadini, non con un’assegnazione, ma attraverso una dichiarazione d’uso collettivo ispirata agli usi civici”.

Il progetto è stato sottoscritto e approvato da diverse realtà sociali e culturali operanti sul territorio vollese. Grazie all’incontro tra esse è nato un coordinamento col nome di “RETE DELLE ASSOCIAZIONI” che si impegnerà, non solo nella realizzazione del progetto “Volla Bene Comune” in sinergia con le istituzioni comunali ma, soprattutto, nell’espansione di una rete sempre più fitta di associazioni, comitati, cittadini che desiderano fondare e abitare un luogo pubblico di sperimentazione, di aggregazione, di arte e di cultura nella città di Volla. Le associazioni che, per ora, hanno dato vita al coordinamento sono: I briganti, Fondazione Angelo Vassallo, Ass. Ci Diamo una mano, Amir- rieducazione alla salute e benessere psico-fisico, L’arte di un sorriso, Ass. Gesù Bambino, il Circolo degli Anziani Giovanni Paolo II, UICI Volla, ADA Associazione per i Diritti degli Anziani e naturalmente, ‘A Rezza.

 

Articoli correlati

Escvpe - La voglia di cambiare dei giovani napoletani: l'intervista ai membri del gruppo
Pubblicato il 04/10/2016 • leggi all'articolo
Caserta: questa mattina presentato il progetto ''Dati puliti'' per tutti i diabetici
Pubblicato il 26/06/2014 • leggi all'articolo
Presentato il progetto esecutivo per la realizzazione della rete wireless
Pubblicato il 24/02/2014 • leggi all'articolo
“Terra di Eccellenze” è progetto a tutela, salvaguardia e difesa del Territorio
Pubblicato il 08/02/2014 • leggi all'articolo
Casaluce. Pagano:'' Voglio portare a termine i progetti iniziati cinque anni''
Pubblicato il 03/02/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus