02/11/15 Riforma Pensioni, Boeri: "Partita esodati non è ancora chiusa"

ROMA. Non manca solo una vera, e possibilmente ultima, riforma delle pensioni, che spinga la flessibilità in uscita e risponda all'esigenza di "equità" e "sostenibilità sociale" del sistema. Con la legge di Stabilità non è nemmeno detto che si sia chiusa definitivamente la partita degli esodati. A lanciare l'allarme il presidente dell'Inps Tito Boeri, secondo il quale "non tutto è risolto" con la settima salvaguardia, e c'è "un rischio strascico".

Boeri in una lunga intervista televisiva fa il punto su tutto il capitolo pensioni e rilancia anche l'idea di un drastico tagli ai vitalizi dei politici. Sugli esodati quello messo in campo dal governo con la manovra è un nuovo intervento "parziale", che aggiungerà costi a quelli già "alti" sostenuti finora, senza risolvere la questione, come invece aveva annunciato il ministro Giuliano Poletti, avverte Boeri: "già ci sono forti pressioni per una ottava salvaguardia".

"Se sarà necessario la faremo", ribatte il presidente della commissione Lavoro Cesare Damiano, ricordando che proprio dai calcoli dell'Inps "rimangono esclusi altri 20mila circa". L'ex ministro dissente dal presidente dell'Inps anche sulle risorse: "Gli 11,6 miliardi" spesi finora per le prime sei salvaguardie sono serviti a porre "un parziale riparo agli errori della riforma delle pensioni voluta dal Governo Monti, quando non si è tenuto conto di alcuna gradualità". E ora la settima salvaguardia, per circa 31mila esodati, è 'coperta' grazie ai risparmi su quelle precedenti, senza stanziamenti aggiuntivi.     Una risposta strutturale, per Boeri, dovrebbe occuparsi anche dei "veri esodati", chi cioè è stato "semplicemente licenziato, tra i 55 e i 65 anni". E la soluzione, oltre a forme di sostegno al reddito, è quella della "flessibilità in uscita" ma "equiparando chi va a 63 e chi va a 67 anni. Per farlo dobbiamo dare una pensione più bassa a chi va in pensione prima". Un principio ben presente nell'esecutivo, che aveva valutato la possibilità di muoversi in questa direzione già in legge di Stabilità, salvo poi decidere di dedicarsi alle pensioni con un provvedimento ad hoc il prossimo anno, dopo aver ben vagliato le possibili soluzioni e le risorse necessarie.     Risorse che si potrebbero reperire, rilancia Boeri, anche chiedendo un contributo, pure "limitato, parziale", a chi "ha importi elevati e ha goduto di trattamenti di favore". In tutto si tratterebbe di una platea ridotta "circa 200mila persone", compresi i politici. Per loro Boeri immagina, e aveva proposto a giugno a Matteo Renzi, "una riduzione che arriva anche fino al 50%, su vitalizi sopra gli 80-85mila euro all'anno". Il governo faccia presto la riforma, è il messaggio che manda Boeri. 

Articoli correlati

Pensioni, Renzi: “Col Patto della Lavagna quattordicesima fino a mille euro”
Pubblicato il 29/09/2016 • leggi all'articolo
Riforma pensioni, Poletti: “Ddl nella Legge di Bilancio, investimento da due miliardi”
Pubblicato il 05/09/2016 • leggi all'articolo
Riforma pensioni, Poletti: “Con legge di stabilità ci sarà azione significativa”
Pubblicato il 21/07/2016 • leggi all'articolo
Riforma pensioni, Camusso: “Cambiare la legge Fornero”
Pubblicato il 20/05/2016 • leggi all'articolo
Legge di Stabilità, Renzi: “Pensioni anticipate nel 2017 e meno aliquote Irpef”
Pubblicato il 05/05/2016 • leggi all'articolo
Pensioni di reversibilità: nel Def spunta l'ipotesi di un taglio
Pubblicato il 12/04/2016 • leggi all'articolo
Riforma Pensioni, Poletti: "Flessibilità in uscita rinviata nel 2016"
Pubblicato il 28/10/2015 • leggi all'articolo
Riforma Fornero, i sindacati contro Renzi: "Subito la flessibilità sulle pensioni"
Pubblicato il 12/10/2015 • leggi all'articolo
Riforma Pensioni, Salvini avverte: "Martedì occupiamo il ministero dell'economia contro legge Fornero"
Pubblicato il 14/09/2015 • leggi all'articolo
Trattamento pensionistico del personale militare. Parte quinta
Pubblicato il 20/07/2015 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus