13/10/14 Casal di Principe : Giuseppe Setola ''Mi sono pentito perchè ho sognato Papa Wojtila''

CASAL DI PRINCIPE: " Mi sono pentito grazie ad un sogno, ho sognato Papa Wojtila che mi ha detto pentiti, ed io l'ho fatto". Con queste parole il capo dell'ala stragista del gruppo Bidognetti del clan dei Casalesi, Giuseppe Setola,nel carcere di Opera a Milano ha rilasciato le sue dichiarazioni da pentito ai Pm della Direzione distrettuale antimafia di Napoli che erano stati lì nella mattinata di sabato per acoltarlo. ”. Setola sotto gli occhi increduli degli imputati presenti in aula, Metello Di Bona, Massimo Napolano e Francesco Cirillo, il boss dei Casalesi si è rivolto a loro definendoli "ex amici". Ma ha anche spiegato i motivi dell'uccisione dell'imprenditore Domenico Noviello avvenuto 16 maggio 2008 " Doveva essere un esempio per tutti. Ucciso lui tutti cominciarono a pagare il raket senza dire nulla".

Setola al momento, come ha specificato la presidente Maria Alaia, è ancora un imputato che sta rendendo dichiarazioni che poi dovranno essere valutate. Setola continua" Solo adesso ho capito che sono stato un uomo di merda, io e i miei ex amici. Mi sono pentito perche di vivere cosi non ce la faccio piu.Chiedo scusa a tutti, ai familiari di Noviello in particolare. Non voglio piu tornare a Casale, voglio essere da oggi un uomo di legge, e voglio che lo Stato protegga la mia famiglia. Mi hanno accusato di essere pazzo, di non vedere, ma io ci ho sempre visto bene, anzi benissimo, soprattutto quando sparavo. Ritornando all'omicidio di Noviello pochi minuti dopo che fu ucciso  venne da me Massimo Napolano e mi diede un bacio in bocca dicendo che il delitto era stato fatto".

Setola ha poi dichiarato che Francesco Cirillo, altro imputato che fu condannato nel 2001 a sei anni di carcere proprio in seguito ad una denuncia di Noviello, festeggio l'accaduto con champagne  . L'omicidio Noviello fu deciso nel corso di una riunione tenuta presso un'abitazione ubicata tra "Parete e Giugliano." C'eravamo io, Francesco Cirillo, Massimo Alfiero , cui diedi l'incarico, e un'altra persona. Ma pochi giorni prima della riunione parlai con Alessandro Cirillo  e fummo d'accordo sulla necessità di uccidere Noviello"

Giuseppe Setola chiude l'intervento con una emblematica dichiarazione " All'epoca anche Michele Zagaria ci pagava il pizzo".

Articoli correlati

Casal di Principe: 20 scompare nel nulla, scattano le ricerche
Pubblicato il 05/05/2015 • leggi all'articolo
Casal di Principe: 14enne scompare nel nulla, l'appello dei familiari
Pubblicato il 20/04/2015 • leggi all'articolo
Casal di Principe: arrestato noto imprenditore, favorì la latitanza di Zagaria
Pubblicato il 17/03/2015 • leggi all'articolo
Camorra, gigantesca operazione contro il clan dei Casalesi: in manette 40 affiliati alla fazione Schiavone - LE FOTO
Pubblicato il 10/03/2015 • leggi all'articolo
Casal di Principe, latitante si tradisce su Facebook e viene arrestato
Pubblicato il 02/03/2015 • leggi all'articolo
Camorra, Iovine confessa: ''La rete del metano era affare nostro''
Pubblicato il 27/02/2015 • leggi all'articolo
Casal di Principe, 19enne scomparso dopo una serata al bar
Pubblicato il 22/12/2014 • leggi all'articolo
Camorra, trattativa Iovine-007 per fermare le stragi di Setola
Pubblicato il 21/11/2014 • leggi all'articolo
Castel Volturno: omicidio Noviello 5 ergastoli.
Pubblicato il 19/11/2014 • leggi all'articolo
Camorra, Setola: ''non mi sono più pentito perchè mia figlia non vuole lasciare Casale''
Pubblicato il 19/11/2014 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus