07/12/17 Chiuse tre strutture di riabilitazione psichiatrica nel napoletano, gli operatori: ''Che danno per i pazienti''

NAPOLI - Aria natalizia, aria di spending review. È dell'ultima ora il comunicato redatto dagli operatori delle strutture di assistenza riabilitativa psichiatrica "Gladiatore" e "Spartaco", di Sant'Antimo, e "Pulcinella", situata invece ad Acerra, che verranno presto chiuse. La maggior parte dei pazienti sono già stati sistemati in altre strutture, mentre gli ultimi rimasti sono in fase di smistamento. I lavoratori sottolineano in particolar modo il danno arrecato agli utenti, dopo anni di trattamento negli stessi istituti, da questa trasferimento repentino. 

Il comunicato: 

"Oggi 5 dicembre 2017 la Coop Sociale Mercurio D’oro, afferente al consorzio Alfa di Santa Maria Capua Vetere, che gestiva dal 2014 il servizio di assistenza riabilitativa psichiatrica presso le strutture “Gladiatore” , ” Spartaco” di S. Antimo e “Pulcinella” di Acerra, ha ricevuto la comunicazione dal comune di S. Antimo di interruzione del servizio ad horas. Questa comunicazione segue l’avviso del l'Asl Napoli 2 Nord di proroga del servizio fino al 30 novembre 2017. Dopo tre anni di attività e di gratificazioni ricevute dalle istituzioni e dalle famiglie degli utenti per i progressi raggiunti, gli obiettivi conseguiti e per l'assenza di ricadute, i pazienti stamattina sono stati avvisati di un trasferimento urgente in strutture neuro psichiatriche. In una fase in cui molti di loro erano pronti ad un cambiamento in termini di trasferimento in strutture a più bassa intensità assistenziale, con un maggiore livello di autonomia personale, si trovano invece dinanzi ad estranei che pur di trasferirli gli comunicano che andranno in strutture molto più belle fingendo di non perdere i contatti con gli altri pazienti e con gli operatori, per ritrovarsi invece ripiombati in una realtà manicomiale, chiusa, piuttosto che rispettare i loro bisogni li riporta ad una situazione alienante lontana dalla realtà cittadina che hanno vissuto negli ultimi anni. Le strutture in questione sono quelle da cui erano stati dimessi 3 anni prima. Il trasferimento quindi rappresenta un fallimento del percorso riabilitativo e degli obiettivi raggiunti ed è assolutamente illogico da tutti i punti di vista, dal punto di vista del percorso evolutivo di cura che in questi termini rappresenta una tremenda involuzione, dal punto di vista economico, si parla tanto di spending review e invece con questo trasferimento i costi assistenziali saranno molto più ingenti. Senza considerare l'illusione che è stata data ai pazienti di aver raggiunto notevoli livelli di autonomia e che dall'oggi al domani si ritrovano 3 anni indietro. Parliamo di 40 utenti, ma anche di 40 famiglie che si trovano obbligate a subire il trasferimento dei loro familiari senza poter esprimersi, anzi si sono trovate dinanzi alle affermazioni "o li portate a casa con voi o accettate che siano trasferiti nelle strutture che vi diciamo noi". Infine vogliamo sensibilizzare l'opinione pubblica sul destino anche di 45 operatori che in tre anni hanno lavorato con professionalità e con attenzione, motivati da gli enormi progressi degli utenti e dalle loro conquiste anche in termini di ritrovati rapporti con i familiari. Tale decisione ha quindi una ricaduta non solo su gli utenti e le loro famiglie ma anche sugli operatori e le loro famiglie trasformando questa decisione in un vero e proprio disagio sociale.

I lavoratori Tutti delle strutture riabilitative Gladiatore, Spartaco e Pulcinella".

Articoli correlati

Napoli: figlio affetto da psicosi tenuto incatenato al letto, arrestati i genitori
Pubblicato il 08/02/2018 • leggi all'articolo
Napoli: retata contro i clan dei Quartieri Spagnoli, 19 arresti
Pubblicato il 30/01/2018 • leggi all'articolo
Napoli: agguato di camorra, uccisa boss 54enne
Pubblicato il 23/01/2018 • leggi all'articolo
Napoli, baby gang ancora in azione: minorenne aggredito a calci e pugni
Pubblicato il 15/01/2018 • leggi all'articolo
Napoli, vittoria di testa. Benevento, che rimonta!
Pubblicato il 06/01/2018 • leggi all'articolo
Napoli-Atalanta 1-2: azzurri eliminati dalla Tim Cup, bergamaschi in semifinale
Pubblicato il 02/01/2018 • leggi all'articolo
Capodanno 2018 a Napoli. Concerto e discoteca sul lungomare
Pubblicato il 24/12/2017 • leggi all'articolo
Napoli, se il Natale porta consiglio
Pubblicato il 23/12/2017 • leggi all'articolo
Bomba carta esplode a Via Ferrante Imparato: un morto e una donna ferita
Pubblicato il 22/12/2017 • leggi all'articolo
NAPOLI VELATA, il film di Ozpetek girato a Napoli uscirà il 28 dicembre
Pubblicato il 20/12/2017 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus