16/12/15 Palermo, 38 arresti in blitz antimafia: moglie del boss a capo del mandamento

PALERMO. Una donna a capo di una cosca mafiosa: è quanto emerge da un'inchiesta della Dda di Palermo che ha portato al fermo di 38 persone tra capi e gregari dei clan di Palermo Porta-Nuova e Bagheria. L'inchiesta ha evidenziato il ruolo di Teresa Mannino, che gestiva gli affari su ordine del marito, il capomafia detenuto Tommaso Lo Presti.

La donna, 38 anni, si sarebbe direttamente interessata di ogni tipo di attività criminale dell'associazione mafiosa. I fermi sono stati eseguiti dai carabinieri tra Palermo, Roma, Milano e Napoli, i carabinieri. Le accuse sono associazione mafiosa, estorsione, traffico di droga, illecita concorrenza con minaccia o violenza, detenzione illegale di armi e turbativa d'asta. Stando a quanto emerso, la donna avrebbe gestito ogni attività criminale dell'associazione mafiosa secondo le direttive impartite dal marito detenuto, condizionando costantemente le attività illecite anche degli altri affiliati e capi famiglia, in particolare nel settore del traffico degli stupefacenti.

La moglie del capomafia avrebbe tenuto la cassa della consorteria, gestendo direttamente i conti correnti: "Questa mattina ho visto il conto, cioè mi sono rimasti quindicimila euro", dice infatti in una intercettazione. Inoltre si occupava di aiutare economicamente le famiglie dei carcerati. E in tempi di crisi, viste le minori entrate anche per i clan, per fare quadrare i conti aveva avviato una spending review generale anche tagliando i compensi degli uomini d'onore. 

Da altre conversazioni si evince invece il ruolo di "protettrice" delle mogli di altri boss finiti in carcere: la donna si interessava infatti costantemente al sostentamento delle famiglie degli affiliati detenuti.

"Appena le porta...io glieli faccio avere, dille così", assicurava e a un mafioso libero che, consapevole di quanto alla donna l'argomento stesse a cuore e quanto fosse importante "compiacerla", rispondeva che era disposto a farlo anche di tasca propria ("glieli stavo dando io...di tasca mia").

Articoli correlati

Palermo: colpo alla nuova Cupola di Cosa nostra, 46 arresti. Preso l’erede di Riina
Pubblicato il 04/12/2018 • leggi all'articolo
Palermo: militante di Forza Nuova legato e picchiato
Pubblicato il 21/02/2018 • leggi all'articolo
Berlusconi in visita a Palermo: ‘’Chi vota M5S non ha testa’’
Pubblicato il 02/11/2017 • leggi all'articolo
Palermo: decapitata la statua di Giovanni Falcone davanti alla scuola dello Zen
Pubblicato il 10/07/2017 • leggi all'articolo
Palermo, firme false M5S: chiesti 14 rinvii a giudizio
Pubblicato il 13/04/2017 • leggi all'articolo
Palermo: disabile segregata in casa e costretta a prostituirsi, arrestato il compagno
Pubblicato il 30/03/2017 • leggi all'articolo
Palermo: soldi in cambio di sconto sulle multe, arrestati tre poliziotti
Pubblicato il 12/10/2016 • leggi all'articolo
Palermo: abusi su ex alunna minorenne, arrestato prof di religione
Pubblicato il 31/05/2016 • leggi all'articolo
Palermo: abusa della figlia minorenne, arrestato 40enne
Pubblicato il 25/05/2016 • leggi all'articolo
Palermo: violenza sessuale su un 13enne a scuola, fermato 16enne
Pubblicato il 12/04/2016 • leggi all'articolo

comments powered by Disqus